Manchette

Manchette

"Recupero terre incolte": ecco il progetto di Coldiretti Giovani e Officine del Levante In evidenza

Fonte 
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(1 Vota)

Recuperare le terre incolte sulla fascia costiera spezzina. Questo l'obbiettivo del nuovo progetto sviluppato da Coldiretti Giovani Impresa assieme alla Cooperativa di Comunità "Officine del Levante".

Tramite un protocollo d'intesa stipulato con l'Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero della Spezia, centinaia di ettari incolti di proprietà dell'Istituto e di diversi soggetti privati potranno essere assegnati alle aziende agricole a un prezzo di 300 euro per ettaro, con un contratto d'affitto 10 + 10 anni. I terreni sono ubicati nella fascia costiera tra le Baie Del Levante – Riviera Spezzina e le Cinque Terre, nei Comuni di Deiva Marina, Framura, Bonassola, Levanto, Monterosso al Mare e Vernazza. Un'opportunità unica da cogliere al volo e da non lasciarsi sfuggire.

Il progetto si basa su tre pilastri fondamentali, che, del resto, sono gli obiettivi che Coldiretti Giovani Impresa e "Officine del Levante" vogliono raggiungere: ampliare le aziende agricole esistenti, per sostenere la dimensionalità aziendale, anche ai fini del nuovo Psr 2014-2020, il Piano di Sviluppo Rurale che consentirà aiuti agli investimenti in agricoltura, e supportare i giovani a reperire nuove terre ad un prezzo calmierato per poter iniziare una nuova attività; sostenere e incentivare l'occupazione, in particolare giovanile, dal momento che le aziende agricole, ampliando la propria base aziendale, avranno bisogno di manodopera specializzata per la preparazione, messa a dimora e manutenzione delle nuove colture nei terreni messi a disposizione; infine, tutelare l'ambiente e il paesaggio rurale, apprezzato ed invidiato dai tanti turisti in visita nelle nostre zone, ma allo stesso tempo di particolare fragilità, vista la conformazione geologica ed orografica. Rimettere in fruizione terreni significa mitigare il dissesto idrogeologico.


I promotori dell'iniziativa chiedono alle aziende agricole interessate di farsi avanti con una manifestazione d'interesse da recapitare al Dott. Davide Zoppi, Delegato Provinciale Coldiretti Giovani Impresa e Coordinatore del progetto "Recupero Terre Incolte" della Cooperativa di Comunità "Officine del Levante", all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., entro e non oltre Venerdì 15 Aprile 2016, con i dati essenziali dell'azienda richiedente, Comuni d'interesse, recapito telefonico ed e-mail.
In seguito alle manifestazioni d'interesse ricevute, i vari lotti saranno visionabili da parte delle aziende agricole che hanno dato la loro disponibilità, in modo da poter procedere con la scelta dei terreni e la stipula dei relativi contratti d'affitto.

Ultima modifica il Venerdì, 01 Aprile 2016 15:27

Lascia un commento


La Gazzetta della Spezia è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia con provvedimento n. 7/88 - Direttore Responsabile: UMBERTO COSTAMAGNA - Direttore: UMBERTO COSTAMAGNA - Responsabile Portale: MASSIMO TINTORI - Editore : Gazzetta della Spezia.it SRL - Sede: Via delle Pianazze, 70 - 19136 La Spezia - Tel. +39 0187980450 - Partita Iva 01357120110 - Codice Fiscale 01357120110 Numero REA: SP - 122084

Login or Registrati