Manchette

Manchette

I Sindaci di Ameglia, Beverino, Borghetto, Carro, Deiva Marina, Follo, Lerici, Portovenere e Riccò del Golfo scrivono a Federici sulla situazione della rete viaria provinciale In evidenza

Fonte 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Pubblichiamo la lettera inviata da molti sindaci della provincia spezzina al presidente massimo Federici sulla difficile situazione della rete viaria provinciale e sugli interventi di manutenzione.


"Le strade provinciali che attraversano i nostri territori comunali versano in condizioni gravissime da molti anni, la mancanza di manutenzione ordinaria e di interventi seri di programmazione infrastrutturale ci consegnano una realtà arretrata e fatiscente.

Le amministrazioni provinciali che hanno preferito rivolgere altrove le risorse negli anni in cui si poteva ancora intervenire, oggi trovano in lei, Presidente Federici, il continuatore politico ed ideologico di quel fallimento che sta trascinando la Provincia in un baratro finanziario, ancorché amministrativo a seguito delle modifiche legislative che hanno anche bloccato l'attività degli uffici stessi.

Se concentriamo la nostra attenzione agli ultimi dieci anni, si nota come gli amministratori della Provincia abbiano voluto scaricare sugli eventi alluvionali il collasso della rete viaria provinciale.

In realtà le alluvioni hanno travolto strade costruite durante gli anni '60 o strade di epoca fascista adeguate negli anni '70, una rete vecchia che rimaneva da anni senza manutenzione e senza monitoraggio del pericolo di frane e cedimenti, alla quale si aggiunge pure una rete idrica sempre scarsamente monitorata dagli stessi uffici e che in situazioni di forte maltempo porta a crolli e chiusure di strade.


Oggi molti nostri paesi sono a rischio isolamento, alcune frane attive sui versanti attraversati dalle provinciali rischiano di mettere in grossa difficoltà i centri abitati minori e purtroppo non solo quelli ma anche i capoluoghi.


Due settimane fa lei ci ha chiesto di congiungere le nostre voci in un corale grido di aiuto al Governo, il quale, tra le altre cose, è proprio colui che ci mantiene in questa situazione.

Nel frattempo però nessun intervento verrà realizzato e le manutenzioni ordinarie come lo sfalcio dell'erba lungo i cigli stradali non verrà neppure pianificato.


Per quanto premesso pare evidente come non sia possibile affiancare la nostra voce a chi neppure ci propone una soluzione al problema.

I sindaci devono farsi carico delle mancanze della Provincia e non sanno come, con quali risorse e per quanto tempo e tutto quello che lei, come Presidente ci propone è un appello!


È finito il tempo degli appelli, ora è il tempo di rimboccarsi le maniche e lavorare per il bene delle comunità che amministriamo, senza adeguate risorse economiche e con mancanza di personale dovremmo riempire il vuoto istituzionale dell'Ente che lei amministra, noi parleremo ai nostri cittadini, ma lei, che rappresenta anche loro, dovrà dare le spiegazioni vere del fallimento della Provincia, prenderne atto ed essere sostituito da un Commissario che almeno riesca a gestire l'amministrazione ordinaria.


La riunione prevista lunedì, per le comunità che rappresentiamo, sarebbe l'ennesima presa in giro alla quale noi non vogliamo associarci. La Provincia deve trovare soluzioni ai problemi che lei stessa ha creato.

Durante la vostra conferenza stampa noi inizieremo a pianificare gli interventi più urgenti, ma ancora una volta, anche in questo caso, chi sarà penalizzato sarà ancora il piccolo comune e il comune di montagna".

Ultima modifica il Sabato, 16 Luglio 2016 11:52

Lascia un commento


La Gazzetta della Spezia è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia con provvedimento n. 7/88 - Direttore Responsabile: UMBERTO COSTAMAGNA - Direttore: UMBERTO COSTAMAGNA - Responsabile Portale: MASSIMO TINTORI - Editore : Gazzetta della Spezia.it SRL - Sede: Via delle Pianazze, 70 - 19136 La Spezia - Tel. +39 0187980450 - Partita Iva 01357120110 - Codice Fiscale 01357120110 Numero REA: SP - 122084

Login or Registrati