Manchette

Manchette

Oto Melara, Comiti (CGIL): "Lavoratori dell'indotto costretti a lavorare al freddo" In evidenza

Fonte 
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)

"E' evidente che per la dirigenza Oto Melara esistono lavoratori di serie A e di serie B": così Luca Comiti, segretario Filcams Cgil, commenta la notizia che, mentre i lavoratori OTO Melara sono in cassa integrazione ordinaria per due giorni a causa del guasto del riscaldamenrto aziendale, le lavoratrici e i lavoratori dell'indotto, pulizie e logistica, sono costretti a lavorare al freddo.

"Addirittura ci sono le docce gelate e gli spogliatoi freddi - dice Comiti - una situazione intollerabile, che lede la dignità dei lavoratori. Non solo questi lavoratori sono vittime del dumping contrattuale, lavorano nel medesimo luogo e percepiscono stipendi e condizioni peggiorative, ma sono considerati persone con meno diritti. E' la condizione abituale dei lavoratori degli appalti che noi come CGIL abbiamo sempre denunciato e che ora ci impegneremo a sanare con il prossimo referendum. L'azienda deve ripristinarte al più presto le condizioni di lavoro normali per tutti".

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Gennaio 2017 10:12

Lascia un commento


La Gazzetta della Spezia è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia con provvedimento n. 7/88 - Direttore Responsabile: UMBERTO COSTAMAGNA - Direttore: UMBERTO COSTAMAGNA - Responsabile Portale: MASSIMO TINTORI - Editore : Gazzetta della Spezia.it SRL - Sede: Via delle Pianazze, 70 - 19136 La Spezia - Tel. +39 0187980450 - Partita Iva 01357120110 - Codice Fiscale 01357120110 Numero REA: SP - 122084

Login or Registrati