Come ha fatto La Spezia a diventare il capoluogo di provincia che differenzia di più in Liguria? (video) In evidenza

Legambiente lo spiega con un video.

Giovedì, 17 Ottobre 2019 16:20

Video

 

È uscito oggi il secondo video racconto dell’Ecoforum Tour di Legambiente Liguria che racconta in otto tappe la Liguria dell’economia circolare, per l’occasione alla Spezia per scoprire come ha fatto a diventare il comune capoluogo più virtuoso nella raccolta differenziata nel 2018. La Spezia è infatti passata da 17,158 tonnellate di rifiuto indifferenziato nel 2017 a 14,824 nel 2018, diminuendo i costi di smaltimento e abbassando la Tari, la tassa sui rifiuti, ai cittadini.

“Abbiamo incontrato Luca Piatto del Consorzio Nazionale degli Imballaggi e l’assessore spezzino al ciclo dei rifiuti Kristopher Casati”, spiega Santo Grammatico, protagonista del tour che racconta le migliori pratiche in materia di rifiuti in Liguria.

Piatto ha spiegato come grazie ad un accordo nazionale Anci Conai, i comuni possano conferire i rifiuti di imballaggio raccolti in forma differenziata ai consorzi di filiera e avere in cambio i corrispettivi a copertura dei costi che hanno sostenuto, inoltre, possono avere un contributo economico per le loro campagne di comunicazione.

Come è successo anche alla Spezia, dove Casati, oltre ad avere beneficiato degli accordi con il Conai, ha messo in piedi una filiera virtuosa fatta di tre azioni: la creazione di isole zonali nel centro storico dove il cittadino può conferire il rifiuto differenziato durante la giornata senza limiti grazie alla EcoCard, fuori dal centro storico con il porta a porta supportato dalle isole zonali e l’introduzione della tariffa puntuale, che permette anche di contabilizzare i conferimenti di indifferenziato da parte di ogni singolo cittadino.

“Per quanto riguarda la raccolta differenziata in Liguria - prosegue Santo Grammatico - La Spezia, tra i comuni capoluogo, ha la miglior performance con il 69,50 (dato 2018) e conferma il trend in crescita già dell’anno scorso che era del 67,03%. Oggi tutte le amministrazioni hanno le opportunità e gli strumenti per migliorare la raccolta dei rifiuti. L’obiettivo è quello di fare conoscere quanto di buono e virtuoso si sta già facendo nella nostra regione”, conclude Santo Grammatico.

Ecoforum Tour di Legambiente Liguria premia comunità locali, amministratori e cittadini che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti urbani. È un viaggio di due mesi lungo la nostra regione che in otto video storie realizzate da Ugo Roffi darà spazio alle migliori esperienze in materia di rifiuti ed economia circolare. Tutte le puntate saranno diffuse attraverso i social dell’associazione ambientalista.

La prima tappa ha raccontato le buone pratiche messe in campo dalla grande distribuzione per ridurre il proprio impatto sull’ambiente, mentre giovedì prossimo la troupe di Legambiente Liguria sarà nella cartiera di Relife Group che produce cartoncino utilizzando solo carta riciclata.

(Dati DGR 506/2019 della Regione Liguria).

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Legambiente

Dal dossier Mare Nostrum in Liguria aumentano le infrazioni legate al mare e al cemento, ma il mare è meno inquinato. Leggi tutto
Legambiente
Dura condanna verso l'atteggiamento avuto nei loro confronti. Leggi tutto
Legambiente

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa