Coronavirus ed economia, la denuncia della Fisascat-Cisl: "Stagionali del turismo dimenticati" In evidenza

Molti lavoratori della categoria non sono compresi tra i destinatari del bonus di 600 euro.

Venerdì, 03 Aprile 2020 13:43

“Le misure adottate sono assolutamente insufficienti per gli stagionali del nostro settore e lasciano fuori dalla copertura molti di questi lavoratori, in una regione come la Liguria e ed in particolare modo nella nostra provincia, che ha nel turismo un asset fondamentale, con un comparto che sviluppa annualmente intorno a seimila unita”. Questo era il periodo nel quale molti alberghi e ristoranti accendevano i primi contratti stagionali, dando modo ai lavoratori di cessare la NASPI ed avere un reddito fino a ridosso dell’inverno.” A dirlo è Mirko Talamone , segretario prov.le della Fisascat-Cisl, la categoria dei lavoratori del settore terziario, turismo e servizi.

“L’indennità di 600 euro non è sufficiente, sia per l’esiguità della cifra, sia perché la misura è una tantum – dice Talamone -; e poi ci sono i dimenticati tra i dimenticati, ovvero i lavoratori dell’indotto turistico che erano stati assunti appositamente per il periodo stagionale (gpg e servizi fiduciari, fornitori di servizi e prodotti, addetti alle pulizie o di magazzini all’ingrosso) che non sono stati riconosciuti tra i destinatari del provvedimento, come si evince dalla circolare Inps.”

“Altri lavoratori che non rientrano nelle misure di cassa integrazione - continua Talamone - sono quelli assunti dopo il 23 Febbraio, che rischiano, lavorando in aziende con obbligo di chiusura, di restare senza il dovutostipendio”.

“Il rischio concreto se non si adottano misure adeguate – dice Talamone - è di perdere professionalità che garantiscono la qualità del settore. La Regione e la Bilateralità di settore dovranno fare anche uno sforzo organizzativo per la formazione, perché anch’essa sarà determinante per mantenere professionalità. Se davvero il Governo non vuole lasciare nessuno indietro, deve adottare le misure da noi richieste.”

Intanto tutti i lavoratori stagionali che hanno bisogno di informazioni sui 600 euro al momento messi a disposizione dal Governo possono rivolgersi al patronato Inas-Cisl (numero verde 800249307) o agli uffici territoriali della Fisascat-Cisl ( 0187/253225).

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CISL

Via Paolo Emilio Taviani, 52
19125  La Spezia

Tel.  0187564918
Fax.  0187520115
E-mail:rf.laspezia@cisl.it

 

www.cafcisl.it/leggi_sedi.cfm?provincia=SP

Ultimi da CISL

"Impoverisce inutilmente i lavoratori. Serve fermare la guerra politica e avviare una collaborazione seria per il futuro della Liguria". Leggi tutto
CISL
I sindacati: "Il consigliere provinciale con delega al Tpl lamenta di essere all'oscuro dei temi della mobilità". Leggi tutto
CISL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa