Stampa questa pagina

"Iren, la pandemia non ferma il lucro aziendale" In evidenza

Il comunicato di FILCTEM - FEMCA e UILTEC La Spezia.

Lunedì, 01 Giugno 2020 15:58

Incomprensibile il comportamento della delegazione aziendale a fronte delle richieste unitarie avanzate dalle OO.SS. L’azienda in questo momento così critico che noi tutti stiamo vivendo conferma un atteggiamento miope e irresponsabile, si rifiuta di ricercare soluzioni condivise e continua ad ostacolare tutte le legittime istanze territoriali svilendo di fatto il ruolo delle RSU e delle OOSS come unico vero strumento di difesa dei lavoratori.

La situazione è a dir poco paradossale; l’azienda continua giornalmente ad erogare servizi essenziali mantenendo attiva la fatturazione, nel frattempo il consiglio di amministrazione si aumenta di fatto le retribuzioni dei propri consiglieri e contestualmente si incrementano i dividendi delle azioni di oltre 10 punti percentuali; mentre succede questo l’azienda decurta il premio di risultato dei lavoratori mettendo in discussione l’importo erogabile.

La disponibilità dei lavoratori in questa fase di grave emergenza, non solo non è stata premiata ma clamorosamente punita.
Non contenta, la delegazione aziendale di IREN con l’appoggio dell’Amministratore Delegato elimina di fatto i buoni pasto ai lavoratori posti in smart working dai provvedimenti del governo, lavoratori che hanno continuato a fornire la propria opera da casa, non per propria scelta ma per obblighi di sicurezza emanati dal governo e dal presidente del consiglio dei ministri.
Tale decisione di fatto colpisce le fasce più deboli (mamme con i figli a carico o persone con patologie), che saranno costrette a restare a casa vedendosi decurtare parte della retribuzione, ma garantendo comunque il fatturato all’azienda!

Non accettiamo lezioni di etica da chi guarda solo a logiche di mercato e di puro profitto dimenticando volutamente attenzioni verso i propri lavoratori e verso i propri clienti.
La decisione di IREN di abbandonare il tavolo di trattativa nazionale e il rifiuto a qualsiasi dialogo o confronto anche territoriale, ci costringe ad avviare lo stato di agitazione.
È il momento della assunzione di responsabilità e delle conseguenze che ne derivano, per ribadire la dignità del lavoro e delle persone, per il riconoscimento del loro valore e per dare un senso sociale ai servizi che forniamo.

FILCTEM - FEMCA - UILTEC LA SPEZIA

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

La Cgil: "Asl5 e Kcs avevano preso l'impegno di condividere con i sindacati un percorso di confronto". Leggi tutto
CGIL
Il bando sarà per 158 posti, ma resterà aperto per tre anni. Leggi tutto
CGIL

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa