Riaperto uno storico sentiero di collegamento tra Monterosso e Pignone

Scalinate in pietra a picco sul mare e in mezzo ai boschi.

Mercoledì, 02 Dicembre 2020 16:04

Riaperto il sentiero alto compreso tra la SP38 e il passo del Termine grazie al finanziamento del PSR (Piano di Sviluppo Rurale) ottenuto dal Comune di Monterosso (capofila) e dal Comune di Pignone.

La risorsa economica di oltre 180.000 euro ha consentito anche l’allestimento di una zona di sosta ed un intervento silvicolturale nei boschi di proprietà comunale nella zona soprastante la provinciale, in località Sopratermine.

Un altro passo importante verso la valorizzazione dell’alta rete sentieristica e di collegamento in verticale tra la costa e l’entroterra, tra le Cinque Terre e la Val di Vara.

“Un sincero ringraziamento a Mara Bertolotto, Sindaco di Pignone fino al 2019, che ha sempre creduto nella sinergia tra i due territori, storicamente legati da vie di comunicazione e piccolo commercio – commenta il Sindaco di Monterosso al Mare Emanuele Moggia e prosegue - L’apertura di nuovi collegamenti rappresenta un notevole arricchimento per la rete escursionistica, con ricadute positive sul turismo consapevole e rispettoso dei luoghi visitati, nonché sulla protezione e la cura del territorio e delle zone boschive”.

Il nuovo tratto aperto è già stato inserito nella Rete Escursionistica Locale (REL) con il numero identificativo 514.

Il sentiero comunale, che si snoda lungo scalinate in pietra e tratti in boschi di leccio e castagno, verrà raccordato a breve al centro storico di Monterosso attraverso la pulizia dell’ultimo tratto compreso tra loc. Begasti, Monte d’Aprile e Via Servano (scalinata retrostante il Municipio).

La parte superiore, oggetto di interventi è già percorribile.

Sino alla fine degli anni Sessanta il sentiero ha rappresentato una fondamentale via di collegamento per gli scambi commerciali tra Monterosso e Pignone: percorso da generazioni di donne che portavano in equilibrio sulla testa grandi ceste contenenti patate, cavoli, latte, formaggio e gustose ricotte, ma anche legna e pigne da utilizzare nelle stufe e nei camini.

Donne forti, di tutte le età, partivano alle prime luci dell’alba con il latte appena munto e passo dopo passo raggiungevano il borgo di Monterosso. La via veniva percorsa anche più volte al giorno per portare dapprima i generi alimentari e successivamente il legname.

Tra le storiche famiglie a muoversi sulla via dei piccoli commerci si ricordano i cognomi: Colombo, Moggia, Sassarini e Zattera.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
...
Comune di Monterosso

Piazza Garibaldi, n. 35
19016 Monterosso al Mare (SP)
Tel: 0187 817525

 

www.comune.monterosso.sp.it

Ultimi da Comune di Monterosso

Al comune delle Cinque Terre la senatrice ha già espresso il proprio ringraziamento. Leggi tutto
Comune di Monterosso
Sarà attrezzata per interventi antincendio, di protezione civile e di emergenza sanitaria. Leggi tutto
Comune di Monterosso

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa