Enel, Legambiente: "Indispensabile un tavolo nazionale di confronto tra tutte le parti"

"Legambiente continuerà la sua battaglia contro la prosecuzione del gruppo a carbone e contro il nuovo impianto a gas."

Lunedì, 12 Aprile 2021 18:43

Legambiente La Spezia, alla luce della nota della commissione Valutazione di Impatto Ambientale, a cui è seguito l’atto formale della Direzione del Ministero dell'Ambiente in cui si chiedono ad Enel integrazioni e chiarimenti in merito allo Studio di Impatto Ambientale connesso alla richiesta di realizzare nella nostra città un impianto a turbogas di 800 Mgw, ribadisce quanto segue:

  • 1) la richiesta del ministero dimostra, come da noi scritto in sede di osservazioni al progetto di centrale a gas, che lo studio ha al suo interno gravi carenze essendo orientato al solo gas per la transizione energetica verso le rinnovabili
  • 2) che si possono trovare, nel settore delle rinnovabili (molti progetti giacciono non approvati in sede di VIA nazionale) le coperture necessarie per arrivare ad una produzione energetica al 100% rinnovabile nei tempi previsti dagli obbiettivi europei senza aprire nuove centrali a gas
  • 3) che la stessa chiusura del gruppo a carbone della centrale spezzina, prevista con alcune condizioni dell’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata a suo tempo, può essere gestita senza passare anche qui per nuovi impianti a gas.

Ne discende che sia indispensabile, come Legambiente ha sempre chiesto, un tavolo nazionale di confronto tra tutte le parti per definire modalità e tecnologie atte a consentire la transizione energetica, questo ancora più urgente visto che la commissione VIA sta facendo analoghi rilievi per altre proposte di nuove centrali a gas, oltre che per quella direzione ( si veda a proposito la centrale di Fusina).

Occorre poi un tavolo di confronto locale per individuare le possibilità di riuso dei 70 ettari dove insiste la centrale termoelettrica della Spezia. Né il governo, né la regione e né il Comune della Spezia si sono mai prodigati per fare si che questo avvenisse.

Ci riserviamo, nei prossimi giorni, di inviare a Regione, Provincia e Comune un nostro documento di analisi delle richieste del Ministero, con l’individuazione di scenari alternativi al gas, percorso che la Regione ha la potestà di fare, visto il suo potere di intesa con il governo sulla questione Enel della Spezia-nuova centrale, e che finora non ha fatto. Legambiente continuerà la sua battaglia contro la prosecuzione del gruppo a carbone e contro il nuovo impianto a gas.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Legambiente

La nota di Legambiente La Spezia: "Il Ministro convochi un tavolo col territorio. Toti rompa gli indugi e faccia un atto formale di diniego dell'intesa". Leggi tutto
Legambiente
Gli ambientalisti chiedono di ripensare il futuro dell'area modificando le precedenti pianificazioni, riducendo le cementificazioni ed il traffico. Leggi tutto
Legambiente

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa