Il divieto di consumo al banco produce 30 tonnellate di plastica al giorno In evidenza

Oltre a ridurre del 40% il fatturato dei bar.

Giovedì, 13 Maggio 2021 14:17
Divieto di consumare al bancone del bar Divieto di consumare al bancone del bar

 

Il divieto di consumare il caffè al banco sta producendo un doppio effetto negativo: da un lato i fatturati dei bar sono crollati del 40%, dall’altro si sta mettendo in circolazione un mare di bicchierini di plastica. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Fipe-Confcommercio, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, il divieto di consumo al banco da solo, ovvero escludendo l’asporto, genera 30 tonnellate di rifiuti di plastica al giorno.

“Questo è un motivo in più per eliminare un divieto, quello del consumo al banco, che non ha alcuna base scientifica – sottolinea Fipe-Confcommercio – e che sta invece distruggendo il modello stesso del bar italiano. Un disastro che si accompagna a quello provocato dal coprifuoco alle 22. In questo caso ad essere maggiormente penalizzati sono i ristoranti”

Secondo l’Ufficio Studi, infatti, lo slittamento del coprifuoco alle 23 produrrebbe un beneficio per le casse dei locali, pari al 10% dei fatturati giornalieri, mentre arrivare fino alle 24 aggiungerebbe un ulteriore 7%.

“In totale – spiega la Federazione – queste due ore in più di lavoro garantiscono un incremento di volumi di affari per i pubblici esercizi di 10 milioni di euro al giorno. Una boccata d’ossigeno importante ma ancora più importante è la ripresa al più presto dell’attività al chiuso. Non dimentichiamoci che, non solo il 46% dei locali italiani, 116mila bar e ristoranti, è sprovvisto di spazi all’aperto, ma la perturbazione che interesserà per tutta questa settimana buona parte del nostro Paese sta determinando un nuovo lockdown di fatto anche per le altre attività. Anche per questo non si può più attendere oltre”.

"Ogni giorno veniamo ammoniti sui pericoli dovuti alla saturazione da plastica nel nostro ambiente – ha detto Marco Buticchi, presidente Fipe La Spezia - Produrne, in Italia, trenta tonnellate in più inutilmente è un eccesso che non possiamo permetterci. Il provvedimento che vieta il consumo al banco-bar non giova a nessuno, ma rappresenta un ulteriore aspetto preoccupante di tutti gli effetti negativi 'collaterali' della pandemia. Il rischio è che, per eccesso di cautele antipandemiche, ci ritroveremo ad affrontare un avvenire preoccupante sotto molti punti di vista".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Confcommercio

Via Fontevivo 19f

19125 La Spezia

www.confcommerciolaspezia.it/

Ultimi da Confcommercio

Confcommercio accoglie i provvedimenti dell'ultimo decreto sul Green Pass approvato dal Governo. Leggi tutto
Confcommercio
Proposta anche l’estensione regionale del Ferrobonus. Leggi tutto
Confcommercio

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa