Aimar Sher e Eddie Salcedo: conferenza stampa per i due giovani aquilotti In evidenza

Sher: "La Serie A è uno dei campionati migliori del mondo, se segui il calcio non puoi non seguire la Serie A".

Martedì, 12 Ottobre 2021 20:01
Aimar Sher e Eddie Salcedo Aimar Sher e Eddie Salcedo Spezia Calcio

Si è tenuta oggi presso la sala "Rino Capellazzi" del Training Center Ferdeghini la conferenza stampa di Eddie Salcedo e Aimar Sher.

Il primo a prendere parola è stato l’attaccante numero 29, Eddie Salcedo: “Sono sicuro di poter dare molto a questa squadra, sono già sceso in campo e mi impegno sempre al massimo per farmi trovare pronto dal mister. Con lui ho un buon rapporto e cerco di dare il 100% per dimostrargli la mia voglia di mettermi in gioco.

Quello che conta in questo momento è restare uniti, avere un gruppo solido e condividere un unico obiettivo: dobbiamo sostenerci e dare il nostro meglio ogni giorno, senza demoralizzarci, ma credendoci sempre perchè la salvezza è alla nostra portata.

Il fatto di avere un reparto offensivo numeroso è un fattore positivo, si viene a creare una competizione sana che ci mette in condizione di mantenere alta la concentrazione e dare il massimo: è molto stimolante, sia per me che per i miei compagni. Quello che devo fare è restare concentrato sul mio obiettivo che è lo stesso della squadra e per raggiungerlo lavorerò duro, ogni giorno di più.

La sinergia che c’è con la Primavera è qualcosa di utile e formativo, sono stato contento di esordire anche con loro, mi dispiace per la sconfitta, ma è stata comunque una bella esperienza.

La mia condizione? Mi sento bene, sono pronto, mi alleno al massimo per sfruttare al meglio tutte le occasioni che mi troverò davanti e dare il mio contributo.

Siamo un gruppo di ragazzi giovani, ma anche con la testa sulle spalle. Siamo a disposizione del mister che nonostante sia molto giovane ha una grande esperienza ed è per noi un modello da seguire.

La Serie A è un campionato difficile se ti trovi in fondo alla classifica, il livello complessivo si è alzato, ma noi siamo una squadra forte e non abbiamo ancora dato il nostro 100%: dobbiamo soltanto crederci e non lasciarci andare, e sono sicuro che ci salveremo”.

Ha continuato il numero 31, il classe 2002 Aimar Sher: “Debuttare in Serie A è stato per me un sogno, nonostante la partita non si sia conclusa con un risultato negativo, perchè per la mia carriera è stato un passo importante che ricorderò. Sono contento di far parte di un campionato di così alto livello e sono sicuro che avremo molte occasioni per dimostrare la nostra forza e riscattarci dopo il risultato negativo del "Bentegodi".

Quando mio padre e il mio agente mi hanno comunicato che lo Spezia era interessato a me è stata una grande sorpresa; all’inizio ero sotto shock, ma mi sono subito sentito molto orgoglioso di me stesso e che tutto il duro lavoro svolto stava portando i frutti sperati.

Il fatto che ci siano tanti infortunati e che potrei essere un elemento cardine della squadra non mi spaventa, anzi, mi motiva e mi stimola: credo nelle mie qualità e nelle mie potenzialità e non vedo l’ora di dimostrarle in campo.

L’esperienza con la Primavera è stata importante per me perché vengo da un campionato in cui si gioca un calcio diverso. È stato utile e istruttivo, è fondamentale per me adattarmi al calcio italiano e sono contento di aver avuto anche questa occasione.

Attualmente mi sento in forma, sia fisicamente che mentalmente; inizialmente ero un po' indietro dal punto di vista della condizione, ma ora ho recuperato e sono pronto a dare il mio contributo alla causa.

Essere una squadra giovane è divertente e ci porta a dare il massimo in allenamento, ci motiviamo l’uno con l’altro e ci spingiamo a crescere e a dare sempre qualcosa in più, giorno dopo giorno.

La Serie A è uno dei campionati migliori del mondo, se segui il calcio non puoi non seguire la Serie A. Ogni partita è imprevedibile, non sai mai cosa può accadere e può succedere che una squadra in fondo alla classifica vinca contro una big: questo rende il campionato molto interessante.

Il supporto che sento dall’Iraq mi fa molto piacere, spesso vado lì in vacanza a trovare i miei parenti, sono molto legato a quella terra e sono contento che mi seguano in questo modo.

I miei idoli? Sicuramente Pablo Aimar, da cui prendo il nome, che era il giocatore preferito di mio padre, ma ovviamente anche Ibrahimovic: mi sono allenato con lui all’Hammarby, abbiamo parlato tanto e lo trovo un modello di ispirazione.”

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Spezia Calcio

Via Melara, 91 - Via Sarzana 620/b, c/o Parco Sportivo 'Bruno Ferdeghini'
19136 La Spezia

Tel. +390187711322 - +390187711311
Fax. +390187709679
Email info@acspezia.com

www.acspezia.com

Ultimi da Spezia Calcio

Le parole del mister Thiago Motta in vista della sfida contro la Sampdoria. Leggi tutto
Spezia Calcio
Lo Spezia Calcio comunica che questo pomeriggio alle 16:00 avrà inizio la prevendita dei tagliandi per l'incontro Spezia-Genoa. Leggi tutto
Spezia Calcio

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa