Robot del Centro Nato in Riviera alla scoperta dei segreti dei fondali marini

Dal 22 settembre al 13 ottobre 2014, tra Framura e Bonassola, nel Mar Ligure, si svolge la campagna scientifica internazionale MANEX '14 (Multinational AutoNomy Experiment '14). Robot all'avanguardia in grado di mappare i fondali, e utili soprattutto a supporto di missioni di contromisure mine, vengono lanciati e testati dalla nave oceanografica della NATO Alliance, operata dal Centro NATO per la Ricerca Marittima e la Sperimentazione che ha sede alla Spezia.

Giovedì, 02 Ottobre 2014 13:03

In particolare scienziati e ingegneri di otto istituzioni e dieci Paesi stanno sperimentando le capacità dei veicoli autonomi sottomarini quando equipaggiati con moderni sistemi ad alta risoluzione per la cattura di immagini acustiche sottomarine.

 

Lo scopo dei test in corso è quello di approfondire e migliorare le attuali conoscenze nel settore, con particolare attenzione alle possibili applicazioni robotiche nelle operazioni di contromisure mine. È infatti soprattutto laddove sono presenti ordigni che l'utilizzo dei veicoli autonomi diventa cruciale per tenere gli esseri umani lontani da possibili pericoli. Dalle ricerche in corso possono comunque derivare anche soluzioni sfruttabili nel monitoraggio dell'ambiente marino o in missioni archeologiche sottomarine.

Il CMRE ha una vasta esperienza, riconosciuta in tutto il mondo, nelle contromisure mine con il supporto di veicoli autonomi, e nella mappatura dei fondali. Superare il vecchio approccio di bonifica delle zone minate grazie a un più innovativo utilizzo di robot è da molti anni una delle missioni del Centro della Spezia. Lavorare con i veicoli autonomi in mare aiuta senza dubbio a contenere i costi; i veicoli autonomi inoltre sono versatili e sicuri. Il CMRE si occupa poi anche dello sviluppo delle tecnologie necessarie per processare la grande mole di dati raccolta in questo tipo di operazioni e per far sì che i veicoli autonomi siano in grado di riprogrammare le missioni proprio sulla base di tali informazioni.

Durante MANEX '14, le tecnologie del CMRE vengono duramente messe alla prova in un ambiente complesso in cui si passa rapidamente da piani fondali sabbiosi a zone con rocce, più movimentate, se non scoscese.  Tale contesto sollecita soprattutto gli algoritmi per la ricerca e l'identificazione di oggetti sott'acqua, il cosiddetto programma di Automatic Target Recognition (ATR), permettendo così agli esperti a bordo dell'Alliance di massimizzarne l'efficacia riducendo al minimo i falsi allarmi.  I dati raccolti in MANEX '14, interamente finanziata dall'Allied Command Transformation (ACT), daranno un contributo significativo alla ricerca NATO in questo settore e, in particolar modo, trattandosi di un progetto multinazionale, aiuteranno i Paesi coinvolti ad acquisire esperienza su questo tipo di approccio alle contromisure mine.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Cmre

Viale S. Bartolomeo, 400
19126 La Spezia

Tel. 0187 5271

Ultimi da Cmre

Venne istituito il 2 maggio 1959. Giovedì 3 ottobre le celebrazioni per il "compleanno". Leggi tutto
Cmre
Si è svolta oggi, presso l'Arsenale Militare della Spezia, la cerimonia dell'imbandieramento del NATO Research Vessel Alliance, nave oceanografica della NATO, ora battente bandiera italiana.   Leggi tutto
Cmre

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa