Assunzioni precari, Vallone (FLC CGIL): "Caos, disparità, docenti lasciati fuori e senza stipendio. Altro che buona scuola!" In evidenza

"Le 231 assunzioni della fase C della Buona Scuola non hanno creato posti di lavoro ex novo. Si tratta, infatti, della stabilizzazione di tutti i docenti precari che in questi anni hanno mandato avanti la scuola italiana." Giorgia Vallone, segretaria della FLC CGIL, interviene a commento delle recenti stabilizzazioni di precari e risponde ad alcuni esponenti politici locali.

Venerdì, 27 Novembre 2015 10:34

 

"Una buona parte dei docenti non sono stati assunti, pur avendo gli stessi titoli di studio, le stesse abilitazioni e gli anni di servizio (almeno 10) alle spalle dei nuovi assunti- continua la Vallone- Per loro si prefigura il superamento di un Concorso, con un cambiamento di regole in corso d'opera. Inoltre, le operazioni si sono svolte poi nel pieno caos normativo. Un esempio concreto è stata l'assunzione, durante la fase antecedente a quest'ultima, di docenti spezzini che si sono visti assegnare come provincia di sede Como, Bergamo, Pavia; mentre nelle assunzioni della fase C docenti con punteggio inferiore in ordine di graduatoria e provenienti da altre città sono stati confermati in ruolo nella nostra provincia. Sarebbe bastato, come chiesto dalla FLC CGIL, che si fosse seguito un ordine di priorità provinciale e poi regionale per garantire a ciascun docente di restare quantomeno nella propria regione di appartenenza dove ci sono gli affetti, la famiglia e i figli."

Conclude la segretaria FLC CGIL: "Restano nella nostra provincia ancora un centinaio di docenti che al ruolo non hanno avuto accesso, che da settembre entrano regolarmente in classe, ma che ad oggi non hanno ricevuto ancora stipendio. Il MIUR ha confermato che le somme erogate sinora a livello finanziario coprono fino all'80% degli stipendi dovuti e per il mese di novembre si parla di incapienza: non c'è copertura finanziaria! Non si dia, quindi, la colpa a problemi tecnici e di sistema nelle scuole: non ci sono soldi."

A sostegno di questi ultimi è stato predisposto un decreto ingiuntivo di pagamento. Assistenza e tutela negli uffici della CGIL in via Bologna 9.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Comiti: "Viene meno l'integrazione tra servizi sociali e sociosanitari". Leggi tutto
CGIL
La nota di Daniele Lombardo e Luciana Tartarelli, rispettivamente Segretari di FP CGIL e FIALS della Spezia. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa