CGIL e FIOM: "Pronti alla mobilitazione, se necessario anche allo sciopero generale, per rilanciare il comparto industriale. Serve una svolta" In evidenza

"Il comparto industriale spezzino è ancora in forte crisi e non arrivano risposte dal governo e dalla politica. Facciamo appello alle istituzioni affinché si attivi una reale discussione sulle prospettive future dell'industria spezzina e del suo indotto, e si proceda uniti per la sua difesa e il rilancio; contestualmente, chiamiamo tutti i lavoratori, e non solo metalmeccanici, alla mobilitazione, non escludendo di arrivare anche allo sciopero generale del settore".

Martedì, 12 Gennaio 2016 11:58

Matteo Bellegoni, segretario generale della Camera del Lavoro e Mattia Tivegna, Segretario della FIOM, intervengono nel dibattito sul futuro economico del nostro territorio, da sempre caratterizzato da una forte vocazione industriale: "Ci sono troppe nubi su Finmeccanica e Fincantieri, presidi industriali trainanti. Su Oto Melara pesa la mancata conferma del Ministero dello Sviluppo economico della commessa dei mezzi VBN, del valore di 50 milioni; Elettronica Melara rischia la chiusura per l'impostazione di Moretti sulla One Company e sull'indotto unico, che non tiene presente del know how di qualità di aziende specializzate nei territori, che vantano rapporti pluriennali con il gruppo, e si affida ad appalti al ribasso che non possono garantire livelli competitivi di precisione e affidabilità, elementi fondamentali per un'industria bellica sempre più informatizzata. Fincantieri, e tutto il comparto della cantieristica, nonostante l'ultima positiva operazione San Lorenzo sui cantieri San Marco, risentono ancora della crisi".

Concludono i segretari: "Serve una svolta sostanziale: bisogna uscire dalla ormai troppo diffusa pratica dello scaricabarile e dare operatività a linee di sviluppo da tutti condivise, ma sempre e solo a parole. Come l'utilizzo a scopi industriali di alcune parti dell'Arsenale militare, sino a oggi rimasto sulla carta, ma che invece ha bisogno d'investimenti in nuova occupazione e ammodernamento delle strutture. Come CGIL, ci proponiamo di fare la nostra parte con responsabilità, ma al contempo ci faremo carico della difesa dei posti di lavoro e del rilancio di una prospettiva reale di nuovo sviluppo per il territorio e per le nuove generazioni."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Si temono assembramenti. Le richieste di Cgil, Cisl e Uil. Leggi tutto
CGIL
La Cgil: "Asl5 e Kcs avevano preso l'impegno di condividere con i sindacati un percorso di confronto". Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa