Progetto Maregot, alla Liguria oltre 1 milione di euro contro l'erosione costiera In evidenza

Liguria capofila del contrasto all'erosione costiera, che nella regione interessa il 33% delle spiagge e coinvolge un'ampia fetta di popolazione, visto che l'80% degli abitanti e delle attività economiche sono concentrati su quelle aree. Al Parco delle Cinque Terre affidata la comunicazione del progetto.

Mercoledì, 22 Febbraio 2017 09:29

Un milione e 200mila euro per contrastare l'erosione costiera della Liguria. Si tratta di fondi provenienti dal Programma Europeo transfrontaliero Marittimo e che saranno utilizzati per pianificare interventi che riducano l'impatto dell'erosione sulle attività economiche.

 

Negli ultimi cinque anni il mare ha "mangiato" porzioni sempre più consistenti di territorio, con grave danno per le coste liguri che rischiano di ridursi considerevolmente sotto l'effetto dell'erosione costiera. Un fenomeno che in Liguria interessa il 33% delle spiagge e coinvolge un'ampia fetta di popolazione, visto che l'80% degli abitanti liguri e delle attività economiche sono collocati sulla fascia costiera. Un territorio fragile quello ligure che rischia di ridursi drasticamente, sotto i colpi dell'erosione marina, in grado di pregiudicare un patrimonio di bellezza unico e mettere a rischio anche le attività economiche. Da qui è partito il nuovo progetto della Regione Liguria dedicato al tema dell'erosione costiera finanziato dal Programma Europeo transfrontaliero Marittimo. Cinque milioni di euro in totale, di cui oltre 1,2 milioni- come detto – per la Liguria.

Il progetto si chiama Maregot e vede impegnata la Regione Liguria, come capofila, insieme al Parco Nazionale delle Cinque Terre e all'Università di Genova che lavoreranno, per tre anni, con Toscana, Sardegna, Corsica, Provenza – Alpi – Costa Azzurra (PACA). Territori diversi, ma con problematiche ambientali ed economiche molto simili.

"Si tratta di un progetto ambizioso in cui il dipartimento Ambiente della Regione Liguria ha investito e ottenuto molto – sottolinea l'assessore all'ambiente Giacomo Giampedrone – Un progetto che permette alla Regione di limitare gli effetti del cambiamento climatico e di progettare soluzioni sostenibili e durature per salvaguardare l'economia". Le attività di Maregot sono infatti indirizzate alla stesura di un Piano di intervento costiero per un'area pilota che fornirà gli indirizzi per uno sviluppo duraturo dell'area in un'ottica di gestione integrata della zona costiera. "Lavoreremo – conclude Giampedrone – con le amministrazioni comunali per cercare soluzioni condivise e mettere a disposizione le competenze tecniche in tema di erosione, tema fondamentale per la nostra regione".

"Il progetto Maregot - dice Patrizio Scarpellini, direttore del Parco nazionale delle Cinque Terre - è incentrato sulla prevenzione e la gestione dei rischi derivanti dall'erosione costiera. Intende contribuire ad una crescita delle conoscenze e della consapevolezza dei principali target rispetto alla tematica ambientale della gestione costiera integrata. Per raggiungere tale scopo, sarà predisposto un piano di comunicazione del progetto che conterrà azioni specifiche rivolte ai singoli target. Il progetto - conclude Scarpellini - definirà anche una strategia di comunicazione transfrontaliera che approfondirà altresì la conoscenza dei contesti locali per rispondere alle esigenze di ogni singolo territorio".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Parco Nazionale delle Cinque Terre

Il tratto REL n. 531, storica via di collegamento verticale tra Riomaggiore e Manarola, da oggi torna ad essere fruibile a seguito di interventi straordinari di recupero. Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa