Bacino unico TPL, la posizione di FILT CGIL La Spezia

Il Comitato degli iscritti di ATC della FILT CGIL, riunitosi il giorno 29 marzo sull'Ordine del Giorno riguardante la discussione della nuova Legge Regionale sul Trasporto Pubblico Locale esprime forti preoccupazioni sulle risorse del settore, poche, decrescenti e molto incerte.

Venerdì, 29 Marzo 2013 17:12

Apprezza il lavoro svolto dalla Segreteria Provinciale e Regionale per trovare diverse soluzioni al problema, per la mobilitazione dei lavoratori che ha permesso alla nostra azienda di arrivare fino ad oggi in condizioni abbastanza sane, per la tenuta occupazionale dell'intero comparto (comprese le società in sub affidamento).

 

Sono legittime le preoccupazioni ed i dubbi manifestati dal personale, è necessario un ulteriore e attento approfondimento e l'acquisizione di maggiori elementi di valutazione.

A fronte dei timori, dei dubbi e delle istanze di contrarietà emerse in occasione delle assemblee tenutesi con il personale di ATC - in relazione alla volontà della Giunta regionale di procedere in tempi brevi alla costituzione di un unico bacino regionale per il tpl e di conseguenza ad una eventuale azienda unica – da mandato alla segreteria provinciale della Filt CGIL, preliminarmente ad ogni decisione o accordo e PREVIA INFORMATIVA E CONFRONTO CON IL PERSONALE, di:

• verifica ed esame dello studio di fattibilità e sostenibilità economica/finanziaria/organizzativa del progetto di bacino unico regionale, commissionato alla società FILSE dalla regione Liguria;

• richiesta di un piano industriale di massima che indichi:

1. le modalità di aggregazione;
2. le garanzie per i territori in ordine ai servizi attualmente in essere ed alle risorse ad essi destinati e occorrenti;
3. i livelli di autonomia funzionale che saranno attribuiti;
4. le ricadute occupazionali per possibili accorpamenti funzionali ed organizzativi;
5. dove si realizzeranno i risparmi e come saranno impiegati;
6. se le cause inerenti i disavanzi di AMT saranno eliminate prima del processo di unificazione onde evitare che gli stessi incidano negativamente sugli altri territori e tali da drenare gli eventuali risparmi che deriverebbero dall'accorpamento dei bacini;

• INSERIMENTO E CONFERMA, nella nuova legge regionale di riforma del TPL, della clausola sociale che garantisca, in caso di unificazione dei bacini e di eventuale cambio del gestore, i livelli occupazionali normativi/economici in essere;
• la definizione di una percentuale massima di servizio da sub-affidare ad altre imprese;

Inoltre, qualora si optasse per la costituzione di Azienda unica regionale per il TPL - decisione né obbligatoria né scontata – verificarne:
• l'eventuale ragione sociale;
• compiti e funzioni;
• gli assetti proprietari;
• se interamente pubblica (Azienda speciale di Diritto pubblico - non va dimenticato che i referendum di giugno 2011 hanno abolito l'obbligo di privatizzare la gestione non solo del servizio idrico ma anche degli altri servizi pubblici in generale), oppure se società mista con la presenza di altri soggetti imprenditoriali ancorché privati;
• se è prevista la partecipazione di Trenitalia, anche indirettamente con una sua controllata o altro ancora.
Inoltre, capire quale relazione avranno ( se l'avranno ) con la nuova società, il trasporto scolastico, il noleggio ed i servizi vari svolti attualmente da Atc, ed il personale ad esso assegnato.

Tutte domande e temi che non escludono e né approvano a priori l'eventualità di procedere agli accorpamenti dei bacini ed eventualmente delle Aziende.
Unicamente, rappresentano la necessità di maggiori strumenti di valutazione e di approfondimento, onde evitare decisioni affrettate e controproducenti ai fini della risoluzione dei problemi che afferiscono al TPL ligure nonché alla salvaguardia degli attuali livelli occupazionali.

Infine, considerati i dubbi, le preoccupazioni e le contrarietà espresse dal personale; a fronte di una legislazione di settore caotica e contraddittoria, in continua evoluzione e suscettibile di ulteriori cambiamenti, sosterremo la necessità di non accelerare decisioni che andrebbero assunte in presenza di un quadro di riferimento meno incerto e non dettate da situazioni emergenziali.
Il Comitato degli Iscritti e la Segreteria Provinciale avvieranno una serie di assemblee con il personale tutto per ascoltare, valutare, decidere le future iniziative. Inoltre avvieranno incontri con le altre OO.SS. per cercare una posizione comune, ritenendo che la tenuta occupazionale sia la maggiore problematica in essere attualmente e da condividere assolutamente.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Gli auguri di buon lavoro della CGIL. Leggi tutto
CGIL
L'obiettivo è di arrivare ad un protocollo per subentri e aperture di nuovi negozi, in modo da tutelare i lavoratori. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa