Lavoratori Metro in sciopero In evidenza

Le ragioni della protesta.

Martedì, 16 Aprile 2019 12:05

 

Venerdì 19 aprile i lavoratori della Metro si fermeranno per tutta la giornata per lo sciopero nazionale indetto da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. Alla Metro spezzina sono impiegati 45 lavoratori.

“Per la prima volta, dopo decenni di relazioni sindacali strutturate e di contrattazione integrativa, l’attuale dirigenza di Metro non ha voluto sottoscrivere con le Organizzazioni Sindacali il Contratto Integrativo Aziendale- dicono i segretari provinciali Luca Comiti, Filcams Cgil, Mirko Talamone, Fisascat Cisl e Marco Calegari, Uiltucs Uil- un atto grave che si è consumato dopo mesi di trattativa surreale, in cui l’impresa ha esclusivamente ribadito le proprie posizioni in un monologo sordo alle esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori. A ottobre il nuovo gruppo dirigente si è permesso, senza neanche aver mai visto un magazzino e, per stessa ammissione dell’impresa, non avendo ancora definito gli obiettivi, di disdettare il contratto integrativo.“

“Vogliamo contrastare la nuova organizzazione del lavoro che propongono- continuano Comiti, Talamone e Calegari- oltretutto in un sito, quello spezzino, che è uno dei più performanti della rete nazionale. La Proprietà vuole flessibilizzare la prestazione lavorativa spostando turni di lavoro verso il fine settimana e introducendo e aumentando i turni spezzati, scaricando eventuali assenze e mancanze di presidio derivanti dalla compressione degli organici sulle lavoratrici e i lavoratori di tutta la rete vendita. Un progetto su cui l’impresa ha dichiarato che andrà avanti con o senza l’accordo sindacale. Di contro, l’impresa non ha accolto la richiesta delle organizzazioni sindacali di garantire i turni unici continuati, demandando al livello territoriale il confronto e gli accordi sull’organizzazione del lavoro.”

Concludono i segretari: “Inoltre, l'Azienda vuole ridurre i premi, aumentare l'orario di lavoro a 38 ore, e chiudere punti vendita sul territorio nazionale con preavvisi minimi ed inaccettabili; questo ultimo punto non riguarda però quello della Spezia. Davanti alle pregiudiziali poste dall’azienda ogni mediazione è risultata impossibile e agli effetti che la disdetta del contratto nazionale produrrà saranno a carico delle lavoratrici e dei lavoratori, l’ennesimo atto dell’azienda che punta a tagliare sul costo del lavoro. Invitiamo le lavoratrici e i lavoratori ad aderire in massa allo sciopero di venerdì.”

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Comiti: "Viene meno l'integrazione tra servizi sociali e sociosanitari". Leggi tutto
CGIL
La nota di Daniele Lombardo e Luciana Tartarelli, rispettivamente Segretari di FP CGIL e FIALS della Spezia. Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa