Crollo all'Istituto Casini, l'Unione degli Studenti: "Basta promesse, serve un finanziamento straordinario" In evidenza

I ragazzi sono pronti a scendere di nuovo in piazza se non ci sarà un cambio di rotta.

Venerdì, 20 Settembre 2019 19:37

 

Il tempo passa, ma la situazione rimane la solita.Qualche giorno fa il crollo di un controsoffitto all'istituto alberghiero Casini nei bagni degli alunni a causa di una infiltrazione, oggi a Genova nelle scuole medie Alessi a causa di un crollo 4 studenti sono rimasti feriti.

Tutto ciò purtroppo non ci sorprende. È da tempo che denunciamo lo stato fatiscente dell'edilizia scolastica nella nostra provincia. E no, non ci basta più la solita frase 'in questi giorni il problema verrà risolto e la situazione ripristinata': il concetto è chiaro e semplice, questi avvenimenti non devono accadere.

Lo scorso 22 febbraio siamo scesi in piazza anche per questo motivo, riaffermare che siamo studenti e studentesse che hanno diritto ad un'istruzione sicura e garantita e dopo la nostra mobilitazione tante sono state le parole e le promesse, e dall'altra parte gli attacchi, ma il tempo ha dato ragione a noi.

Da anni è in atto un graduale disincentivo economico da parte dello Stato volto a finanziare in primis l'istruzione pubblica e la sicurezza all'interno delle scuole, che attenzione bene, non è fatta di telecamere davanti ai cancelli o cani all'interno delle aule. L’anno scorso c’è stato un crollo ogni tre giorni, e un quarto delle scuole non sono agibili: questo perché lo stato continua a non investire, a considerare uno spreco la nostra sicurezza. Intanto veniamo presi in giro con interventi spot, riparazioni fatte male per causa della mancanza di fondi e controllo negli appalti: e il risultato sono gli studenti all’ospedale.

Non ci stiamo più ad accettare di aspettare, e vedere lavoretti che non bastano o non ci permettono di frequentare e vivere la scuola in tutti i suoi spazi. Serve un finanziamento straordinario per mettere a norma, sotto tutti i punti di vista, le scuole. Serve una riconversione ecologica che evidenzi un taglio netto con le politiche del passato. E per questi motivi, se non ci sarà un cambio di rotta evidente scenderemo nuovamente in piazza in tanti e tante, a gridare a gran voce che il futuro è nostro e non permettiamo a nessuno di levarcelo.


Unione degli Studenti La Spezia

 

(Foto: da FB Unione degli Studenti - il crollo nella scuola genovese)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il monitoraggio di Arpal ha dato esito negativo. Ora la vera partita è quella della rimozione dell’eternit dai capannoni: ancora nessuna risposta dal governo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il consigliere comunale di Forza Italia attacca il collega Massimo Baldino sulla vicenda Enel. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa