Il sindaco di Vezzano lancia l'allarme: "O si interviene o con le prossime piogge il Magra potrebbe fare danni" In evidenza

di Elena Voltolini - Il primo cittadino chiede di intervenire ora che il meteo è favorevole, ma con rammarico afferma: "Nessuno ci ha ancora risposto".

Mercoledì, 08 Gennaio 2020 21:22

“Spero di avere risposte a breve e che si intervenga presto, altrimenti in caso di forti piogge qui si rischia l’esondazione del Magra e l’allagamento, che potrebbe arrivare sino al tunnel che porta alla frazione di Corea”.

E’ molto preoccupato il sindaco di Vezzano Ligure Massimo Bertoni dopo il sopralluogo effettuato il 2 gennaio nella zona dei campi sportivi della Ponzanese.

La strada che affiancava il campo è praticamente scomparsa. Perchè? Il fiume la ha erosa sino a distruggerla. Tutto questo in poco tempo, visto che non molto prima di Natale la strada risultava ancora percorribile.

Che cosa è successo ce lo spiega lo stesso primo cittadino: “Queste sono le conseguenze di una erosione che va avanti da anni. Un lamellone è venuto fuori al centro del bacino del fiume Magra e ne ha cambiato la direzione. Ora la situazione è rischiosa, perché è praticamente sparita ogni differenza altimetrica tra il fiume e il terreno circostante”.

I rischi? Il primo cittadino non li nasconde: “In caso di forti piogge o di piogge prolungate, e quindi di piena del Magra, qui il fiume potrebbe esondare ed arrivare ai campi sportivi e persino al tunnel di Corea”.

Ricordiamo, inoltre, che nell’area è presente anche un depuratore di Acam /IREN.

“Abbiamo fatto anche a loro la segnalazione – spiega Massimo Bertoni – così come la abbiamo fatta al Presidente della Provincia Peracchini, a Regione Liguria e al Parco di Montemarcello Magra Vara. Ho poi sentito anche il Prefetto, molto sensibile su queste tematiche”.

Il 2 gennaio, infatti, dopo le segnalazioni arrivate da alcuni cittadini e dal Comittao di Quartiere, il sindaco ha inviato sul posto il tecnico comunale per le verifiche del caso e, vista la situazione, è stata fatta una relazione inviata a tutti gli Enti in qualche modo coinvolti.

“Finora nessuno ha risposto all’amministrazione”, afferma con rammarico il primo cittadino di Vezzano.

“Questo – sottolinea – sarebbe il momento giusto per intervenire, viste le previsioni meteo favorevoli nel medio periodo. Bisognerebbe correre ai ripari ora ed evitare che successive piogge possano causare danni”.

Secondo quanto stabilito dal tecnico bisognerebbe cercare di deviare il lamellone e togliere materiale dal centro dell’alveo del fiume.
Un intervento richiesto all’Ufficio Difesa del Suolo, che fa capo alla Regione.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Prevedibile turnover tra gli aquilotti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il Consigliere regionale: "Anche loro hanno vinto le elezioni, ma non avevano ragione". Cambiamo!: "Parole che ci fanno orrore, chieda scusa" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa