Parentucelli-Arzelà, verso un agrario sempre più azienda. Ecco il nuovo trattore In evidenza

di Alessio Boi - Il nuovo mezzo, dotato anche di attrezzature, è stato inaugurato questa mattina nell'atrio dell'istituto. Acquistato grazie a un bando di Fondazione Carispezia.

Giovedì, 20 Febbraio 2020 16:45

Questa mattina i ragazzi del Parentucelli-Arzelà hanno dato il benvenuto a un nuovo compagno di scuola: si tratta di un Kubota a 20 cavalli nuovo di zecca, dotato anche di attrezzature come la fresa e l'aratro, molto utile per le lavorazioni orticole nei terreni dell'azienda scolastica.

Il mezzo è arrivato tra gli averi dell'istituto grazie a un contributo di 10 mila euro assegnato al progetto "Orto in condotta", presentato dalla scuola sarzanese attraverso il bando "Le nostre scuole come bene comune" promosso dalla Fondazione Carispezia nel 2019.

A rappresentare la Fondazione era presente Francesca Tabardi, che ha sottolineato l'importanza data alle inizative nel settore della formazione e dell'educazione, in particolare a favore del mondo della scuola, e l'obiettivo di consentire agli studenti di prendere parte operosamente alle attività pratiche previste nell'ambito del corso professionale per l'agricoltura e l'ambiente.

Insomma i ragazzi potranno fare un esperienza sempre più diretta e finalizzata al lavoro che potrebbero svolgere da grandi seguendo questo corso di studi e, in questo modo, la scuola ne trarrà un risparmio in ottica futura.

"Prima questo tipo di mezzi venivano presi a noleggio da altre ditte, adesso abbiamo più autonomia - spiega il preside Generoso Cardinale - Verrà utilizzato nei terreni che la scuola possiede, ma sarà guidato solo da personale che possiede il regolare patentino". Poi aggiunge con orgoglio: "Siamo la prima scuola con un'azienda agricola, con una partita Iva e un direttore".

Massimo Caleo, vicepreside dell'istituto e docente, ha messo in luce l'ulteriore potenziamento del parco mezzi e attrezzature e, soprattutto, l'opportunità per i ragazzi di ricevere nuove competenze e il risparmio economico previsto per le lavorazioni agricole. Erano presenti anche il professor Davide Giovanelli e Don Franco Pagano che ha dato la benedizione al mezzo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Probabilmente ci sarebbe qualche cava in meno ma soprattutto qualche alluvione in meno" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Abbiamo prodotto idee e soluzioni e nessuno può raccontare il contrario." Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa