I Carabinieri scoprono finti funzionari nella mediazione per la compravendita di immobili In evidenza

Denunciate quattro persone. 

Sabato, 28 Marzo 2020 14:01


I carabinieri della sezione operativa della compagnia carabinieri della Spezia hanno scoperto una sofisticata truffa perpetrata in danno della proprietaria di un immobile di valore posto in vendita. La donna è stata contattata da un pool di sedicenti intermediari, di una società estera di vendita di immobili di pregio, che riferivano di aver ricevuto mandato per l’acquisto della sua proprietà.

I malintenzionati hanno invitato la donna presso gli uffici della sede dell’agenzia, artatamente adibiti nella città di Milano, e in quel luogo è stato concluso il compromesso per l’acquisto del bene immobile. Al fine di procedere alla compravendita i malintenzionati hanno chiesto alla vittima, sulla base della volontà espressa dal presunto, inesistente, acquirente dell’immobile, di corrispondere la commissione per la compravendita pari al 10% del valore complessivo del bene, in lingotti d’oro. Ricevuto il benestare della proprietaria, i malfattori hanno proposto alla stessa di accompagnarla e seguirla nell’acquisto del metallo prezioso presso una società specializzata del settore. Assecondando le indicazioni ricevute, la vittima ha consegnato ai malfattori 120.000,00 euro in lingotti d’oro, attendendo maggiori indicazioni per il perfezionamento della compravendita.
Una volta ricevuto l’importo nessun intermediario immobiliare ha più contattato la vittima che, sospettando di essere stata raggirata, si è rivolta ai carabinieri.

Gli accertamenti eseguiti dai militari hanno permesso di appurare che gli uffici della sedicente società in Milano, presso cui si è concluso il compromesso, a distanza di poco tempo erano stati svuotati.
Gli autori della truffa sono stati però identificati in 4 persone, tutte originarie del nord Italia, di città differenti, di età compresa tra i 32 e 64 anni che a vario titolo hanno preso parte al raggiro e che ora dovranno rispondere del reato di truffa aggravata dall’ingente danno economico provocato, commessa in concorso.
Sono in corso ulteriori apprefondimenti utili a stabilire eventuali responsabilità degli stessi indagati in ordine a possibili analoghi episodi di tentate truffe o di truffe consumate nel territorio nazionale.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I ricoveri nello spezzino sono sotto la decina. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Indagato per lesioni un 26enne spezzino. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa