Manifesto per la Sanità Locale: "Una proposta di Piano di emergenza" In evidenza

Il Manifesto per la Sanità Locale, consultando esperti ed alcune forze politiche locali, ha elaborato una proposta di Piano per la gestione dell’emergenza Coronavirus e per il futuro ritorno alla normalità.

Sabato, 28 Marzo 2020 18:28


La proposta e’ stata formalmente inoltrata al Prefetto, alla ASL 5 e al Sindaco del Comune della Spezia quale Presidente della Conferenza dei Sindaci dell’ASL.
La proposta nasce dalla considerazione che ne’ ASL 5 ne’ Alisa – pur essendone state richieste fin dal 6 marzo u.s. – hanno dato comunicazione di una strategia per affrontare l’emergenza sanitaria nell’immediato e nel medio periodo.

La proposta si può riassumere nei seguenti punti :
1. necessità di individuare l’ospedale di Sarzana come presidio Covid dedicato e l’ospedale S. Andrea come destinato ad attività ordinarie. La progressiva attuazione di questo punto – già necessaria per evitare la contaminazione di pazienti ed operatori non contagiati – consentirà, nel medio periodo, di riprendere anche le normali attività in un presidio “pulito” (oggi, vista la sostanziale assenza di ricoveri ordinari, c’e’ il concreto sospetto che le persone non si curino per evitare di contrarre il virus in ospedale.). Non e’ troppo tardi per farlo, perché con questo virus avremo purtroppo a che fare anche dopo la ripresa delle normali attività.
2. massiccia ed immediata dotazione di dispositivi di protezione (mascherine, tute, tamponi, etc) per garantire la sicurezza degli operatori che sono quelli che ci stanno salvando la vita.
3. azione di prevenzione altamente sviluppata sul territorio con presidi mobili per effettuare velocemente test e tamponi a tutti i cittadini, in particolare a quelli sintomatici con diagnosi effettuate in Provincia, per evitare gli attuali ritardi nei responsi diagnostici.
4. incremento immediato di personale di cui la nostra ASL era già carente prima dell’epidemia

Nonostante il particolare periodo, non possiamo esimerci dal censurare pesantemente la mancanza di informazioni ai cittadini sulla strategia dell’emergenza e la mancanza di vicinanza al lavoro svolto con abnegazione dagli operatori sanitari.
Censure addebitali principalmente ad Alisa, che nega informazioni anche agli Enti locali e impedisce agli operatori sanitari di rappresentare le loro critiche e le loro proposte.
Lo abbiamo già detto e lo ripetiamo ! Lo stato di emergenza non può impedire l’esercizio della democrazia.

Il Manifesto sta anche raccogliendo, in una sorta di libro bianco, tutte le segnalazione provenienti in questo periodo da cittadini ed operatori sanitari.
Contro chi ancora volesse sostenere la privatizzazione del servizio sanitario PUBBLICO (che unico ci sta salvando !) e anche contro chi insistesse nella centralizzazione delle decisioni di politica sanitaria in Alisa, non mancheremo, ad emergenza conclusa, di mobilitare l’intera popolazione !

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il parlamentare di Leu chiede anche di sbloccare la sua proposta di legge sullo scioglimento di tutte le organizzazioni neofasciste. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento enzo Domenica, 29 Marzo 2020 11:51 inviato da enzo

    mi domando...l'assessore regionale alla sanità della Liguria che prima della pandemia ciarlava a destra ed a manca ora sembra si sia eclissata e siccome la stessa secondo me è la responsabile dei ritardo di non avere affrontato con sollecitudine la pandemia che si sapeva da almeno 2 mesi ritardando la dotazione dei triage in teda all'esterno dei pronto soccorso,mancanza di presidi presidi sanitari non tanto per i cittadini ma caso gravissimo per gli operatori sanitari e di tutti quelli legati all'andamento del comparto sanitario di cui bisogna comprendere i volontari e militi di pubbliche assistenze....forse figli di un dio minore.....chi scrive è uno che è stato in quarantena con tutto l'equipaggio di una ambulanza e per nostra fortuna ne siamo usciti non si può dire però del medico del 118 che per quanto ne so io è stata ricoverata.......quindi in regione dovrebbero farsi una bella e approfondita riflessione su quanto accaduto....

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa