Lerici, un "Parco di melograni" potrebbe ricordare i sanitari morti nella battaglia contro il Coronavirus In evidenza

Una iniziativa che potrebbe poi essere riproposta in altre città.

Lunedì, 13 Aprile 2020 17:38
A volte i sogni, anche, forse soprattutto quelli ritenuti impossibili, diventano realtà.
Cosi potrebbe prossimamente avvenire a Lerici, la splendida cittadina ligure amata da Byron e da Shelley, prescelta dal Dott. Francesco Pazienza, a capo d’un comitato promotore, che desidera installare in quelle felici terre un “Giardino degli Eroi”.

L’ispirazione è giunta a Pazienza dall’attenta osservazione, dall’intuizione scaturita dal guardare il dipinto dell’artista informale noto come Hypnos e che reca il titolo di Michael’s Gate. Ispirazione per un’idea semplice quanto originale e affascinante: creare un vero e proprio giardino, coltivato ad alberi di melograno – dunque piante dal profondo significato simbolico – ognuno dei quali sarà a futura memoria e perenne ricordo di tutti quei medici, infermieri e altro, che per la loro abnegazione hanno perduto la vita per salvare quella dei malati dall’attuale pandemia. Sarà un parco sotto l’egida dell’armonia, della pace e della solidarietà.

A coloro che si domandassero perché sia stato scelto proprio il melograno, il promotore di quest’iniziativa unica al mondo, Francesco Pazienza, così risponde: «Come comitato abbiamo scelto il melograno, perché si tratta di uno dei più antichi alberi coltivati nel bacino del Mediterraneo. I suoi frutti sono archetipi di fecondità e d’abbondanza. Nella tradizione classica è legato al mito di Persefone, alla terra donatrice di frutti e alla vita oltre la morte. Il frutto maturo si apre e lascia cadere i propri semi color rubino sulla terra. Compare poi più volte nell’Antico Testamento, accanto alla vite e all’ulivo e la tradizione cristiana ne ha fatto il simbolo dell’unità della Chiesa e della comunione dei santi in ragione della presenza di molteplici grani all’interno dello stesso frutto divenuto simbolo d’immortalità e di resurrezione. Nel Rinascimento, spesso Gesù bambino è spesso rappresentato con una melagrana in mano”.

Resta l’auspicio dunque che il Parco dei Melograni, il Giardino degli Eroi, possa al più presto essere realizzato e che l’iniziativa di Lerici – curata dal Fondo Atlante 2000 - divenga un evento pilota di molti altri simili in altre città d’Italia che intendano replicarla facendo richiesta al Comitato organizzatore.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Una serata che rilancia le ambizioni delle Aquile a quota 53. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Lo Spezia batte il Cosenza 5 a 1 al Picco. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa