Spacciatore scoperto con l'eroina, i clienti continuano a chiamarlo anche dopo l'arresto In evidenza

Un tunisino di 40 anni fermato dalla Polizia in via del Canaletto, dopo aver venduto la droga a un ragazzo di 28 anni.

Lunedì, 20 Aprile 2020 10:06

Nel corso dei servizi per la repressione dello spaccio al dettaglio di sostanze stupefacenti, intensificati anche per mettere un freno alla circolazione di persone in violazione delle disposizioni di sicurezza, il personale della sezione antidroga della squadra mobile della Spezia ha controllato venerdì sera un’auto sospetta, guidata da un giovane, con a bordo un cittadino tunisino già noto agli agenti perché ritenuto uno spacciatore.

La coppia, intercettata in via del Canaletto, è stata seguita dagli agenti in modo discreto. Quando l'auto si è fermata i militari hanno notato, al termine di una trattativa, uno scambio sospetto: il giovane consegnava del denaro allo straniero, ricevendo qualcosa in cambio. Dopo lo scambio lo straniero scendeva dal mezzo, allontanandosi velocemente verso la stazione di Migliarina.

Entrambi sono stati fermati dalla squadra mobile: il giovane, un ventottenne spezzino, ha consegnato la dose di eroina appena acquistata al prezzo di 20 euro dallo spacciatore, incontrato poco prima a seguito di appuntamento telefonico.

Lo straniero, un cittadino tunisino di quarant’anni, irregolare sul territorio nazionale e senza fissa dimora, una volta perquisito è stato trovato in possesso di altre 7 dosi di eroina, già confezionate e pronte allo spaccio, di una busta più grande con altri 6 grammi di eroina, ancora da suddividere in dosi, nonché della somma di 700 euro provento dell’attività di spaccio.

Lo spacciatore è stato inoltre trovato in possesso del telefono cellulare che, negli uffici della squadra mobile, ha continuato ripetutamente a squillare per le chiamate dei presunti acquirenti, ad ulteriore testimonianza del fatto che l'uomo aveva un consistente giro di clienti da servire, sul quale sono in corso accertamenti.

Il tunisino è stato arrestato per il reato di spaccio e detenzione di droga ai fini di spaccio, mentre lo spezzino è stato segnalato al nucleo per le tossicodipendenze del locale Ufficio Territoriale del Governo.

Entrambi inoltre sono stati sanzionati per la violazione delle prescrizioni relative al contenimento del Covid-19. L’arrestato, al termine degli atti, è stato portato nel carcere di Villa Andreino, a disposizione del sostituto procuratore di turno Claudia Merlino.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Una serata che rilancia le ambizioni delle Aquile a quota 53. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Lo Spezia batte il Cosenza 5 a 1 al Picco. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa