Levanto, il sindaco Agata aggiorna sulla situazione Covid-19 In evidenza

di Cecilia Castellini- In tarda mattinata il Sindaco di Levanto, Ilario Agata, è intervenuto su RLV La Radio a Colori e prima di parlare della giornata del 25 Aprile ha fatto il punto sulla situazione levantese.

Sabato, 25 Aprile 2020 16:01

“Posso dire – ha esordito- che la situazione a Levanto è stazionaria. In questo momento abbiamo solo un positivo e nessuno in sorveglianza attiva, stessa situazione di quindici giorni fa. Da questo punto di vista siamo allineati all'andamento dell'epidemia in Italia e speriamo di raggiungere l’obbiettivo di non avere più casi positivi sul nostro territorio quanto prima”.

“In merito alla fase due, c'è la massima attenzione alle attività produttive. In questi giorni si percepisce la sofferenza degli imprenditori e dell'indotto, pensando per esempio agli stagionali. Dovremo lavorare, là dove possiamo, come Comune, nel miglior modo possibile, per stare vicino alle imprese e la sfida sarà quella di non lasciare indietro nessuno dal punto di vista sociale”.

“Adesso – ha proseguito - c'è una tendenza alle fughe in avanti e alla riattivazione di tutto. Auspico che nei prossimi giorni il Governo dia delle direttive per la riapertura delle attività produttive e delle norme precise anche per gli stabilimenti balneari e per le nuove forme di aggregazione sociale. Spero ci sarà concordanza con la Regione, così da permettere una fondamentale sintonia. Come sindaci dell'ANCI abbiamo mandato delle richieste al governo perché vorremmo che il nostro ruolo assuma una funzione centrale essendo in prima linea nel rapporto con i cittadini. Tutto questo dovrà essere a cascata, Governo – Regione – Comuni, nei prossimi trenta giorni”.

Venendo a questa giornata del 25 aprile Agata ha ricordato in modo speciale l'importanza dell'unità nazionale.

“Oggi è stata una celebrazione insolita, con la mia presenza e quella di singoli rappresentanti delle varie associazioni; cerimonia davvero molto emozionante e sentita. Oltre la retorica consueta, si deve pensare che in questi due mesi siamo stati privati di molte libertà individuali. Una vicenda che deve insegnare l'importanza di queste libertà, che settantacinque anni fa furono conquistate con grandi sacrifici da chi s'è battuto per ottenerle. Ci si ricordi della ricchezza di queste conquiste e si rinnovi la voglia di difenderle e conservarle. Gli anni affievoliscono la memoria delle cose e questa esperienza spero rinforzi nella comunità la percezione del loro valore. Il mio auspicio – ha concluso – è che il prossimo anno ci possa essere una celebrazione con tutta la popolazione presente”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L'intervento del consigliere comunale del Pd Massimo Baldino Caratozzolo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa