Si rinnova il sito web del paese di Buto In evidenza

Racconta la storia e le tradizioni del borgo, ma anche le iniziative, gli eventi, l'ospitalità.

Mercoledì, 29 Aprile 2020 21:33


Dopo oltre vent’anni dalla sua creazione ora si rinnova, sia nella veste grafica sia nei contenuti, uno dei siti internet più visitati e più attivi dello spezzino, www.buto.it, ideato nell’ottobre del 2009 da Leandro De Mattei e divenuto uno dei fenomeni del nostro territorio.

Vent’anni fa Leandro, assieme ad altre persone tutte originarie del piccolo paese di Buto, frazione di Varese Ligure, davano vita al sito per far sentire la voce di una comunità, seppur piccola, della Val di Vara e diffonderla nel mondo, anche agli eredi di coloro che dovettero emigrare alla ricerca di migliori condizioni di vita. Negli anni successivi altre persone hanno condiviso l’iniziativa e hanno collaborato e collaborano fattivamente alla sua continuazione.

Il sito sin da subito cooperò con l’associazione ButoCultur@ con l’obiettivo di portare alla luce, attraverso le vicende locali, la storia del paese e i valori dei nostri antenati: l’amore per la famiglia e per il proprio paese, il rispetto dell’ambiente, la solidarietà, il duro lavoro, la tenacia, lo spirito di sacrificio, la fede e cura la pubblicazione di libri di storia locale.

L’iniziativa si è ampliata in questi anni con persone originarie del territorio che collaborano all’esistenza del sito e contemporaneamente prendono parte alle iniziative dell’associazione. Nel corso del 2007 il sito fu rinnovato in occasione dei 350 anni di autonomia della parrocchia di Buto e nel 2007 si è dotato della web cam e di una stazione meteo che fa parte di Limet, l’Associazione ligure di metereologia.

Ora il sito, che ha assunto una chiara fisionomia spinta verso la cultura e la storia locale, presenta foto antiche dei paesi e degli abitanti del territorio, narra la storia di Buto e della vallata, fornisce notizie sulla Confraternita, sulla pubblicazione dei libri e sulle iniziative di ButoCultur@, tra le quali emerge la collaborazione che da diversi anni esiste con le Università di Genova e di Nottingham, informazioni sulla nascita dei famosi funghi porcini, sul clima e sulla temperatura del luogo, offre ospitalità a coloro che vogliono pubblicare materiale sui propri paesi relativo alle tradizioni e avvenimenti locali e ora presenta ai propri visitatori pillole di storia in brevi video che richiamano le tradizioni del passato.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il materiale arriva dalla Cina ed era destinato al Sud America. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
A nulla sono servite le svariate sanzioni delle scorse settimane. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa