Arriveranno alla Spezia i cassoni usati per recuperare la Concordia, ecco come saranno usati In evidenza

Esempio perfetto di economia circolare.

Giovedì, 28 Maggio 2020 16:13
Ricordate le straordinarie operazioni per il recupero del relitto della nave Concordia? Per rimettere in posizione orizzontare e consentire il galleggiamento della grande nave da crociera, naufragata tra il 13 e il 14 gennaio 2012 all'imboccatura del porto dell'Isola del Giglio, sono stati utilizzati 12 cassoni. Ora quei cassoni vengono riconvertiti e sarà proprio La Spezia a riutilizzarli. Come?

I cassoni daranno vita alle nuove banchine portuali. I primi quattro dovrebbero arrivare in città entro giugno, partendo da Piombino, dove sono in corso le operazioni di riconversione.

"Insieme all’amministratore delegato di PIM, Valerio Mulas, sono andato al porto per verificare lo stato di avanzamento delle operazioni di riconversione dei 12 cassoni utilizzati per il recupero del relitto della Concordia - spiega il sindaco di Piombino Francesco Ferrari - Le operazioni di conversione stanno procedendo ora in maniera spedita. I cassoni permetteranno di dar vita a delle nuove banchine portuali alla Spezia. Un vero esempio di economia circolare".

Il primo cittadino conferma anche i tempi: "Si prevede che i primi quattro cassoni saranno inviati alla Spezia già entro il mese di giugno: una ripartenza dei lavori che finalmente sblocca una situazione ferma da troppo tempo e offre una boccata d’ossigeno dal punto di vista lavorativo alle ditte coinvolte".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Alessio Boi- Un esemplare non molto comune, rinvenuto sulla Provinciale 31, è stato soccorso da un cittadino. Ecco il vademecum per aiutare specie non domestiche in difficoltà. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Anche oggi, fortunatamente, non si registrano vittime ed il numero dei ricoverati è stabile. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa