Ameglia, dopo il lockdown è il fornitore di energia elettrica a costringere il Cafè Mirò alla chiusura momentanea In evidenza

di Nea Delucchi - Incomprensibile mancanza di supporto al rilancio dell'attività dopo il periodo di lockdown.

Giovedì, 28 Maggio 2020 18:18

 

Il Cafè Mirò ad Ameglia fin dagli anni '80 è sempre stato più di un semplice bar, ma un vero e proprio luogo di aggregazione sociale. Dal 2014 questa tradizione è stata continuata da Agnese e Tiberio che ne hanno preso la gestione.
Anche la recente scelta di non aprire l'attività solo da asporto o quella di sospendere la ricevitoria dell'Enalotto per evitare assembramenti sono state fatte per coerenza a non snaturarne la funzione.

Finalmente dopo i sacrifici che tutti noi ben sappiamo per adeguare il locale alla norme di sicurezza e di distanziamento, il 18 maggio il Cafè Mirò ha riaperto con il sorriso di Agnese sotto la mascherina.

"Andrà tutto bene " si leggeva a inizio covid nei drappi appesi ai balconi. Non è stato così. A pochi giorni dalla riapertura il cafè Mirò si è visto rifiutare la richiesta di rateizzazione delle utenze dei soli due mesi di chiusura del bar. La conseguenza è stato un abbassamento della potenza dell'elettricità che basta a malapena a tener accesi i freezer e quindi di fatto una nuova chiusura.

"Non capisco - si sfoga Agnese Goretta visibilmente amareggiata - siamo buoni pagatori, abbiamo sempre pagato e abbiamo chiesto solo una rateizzazione, non di non pagare, e solo per i due mesi di chiusura obbligatoria a causa del covid. Ci hanno risposto che a loro non importa".

"Avevamo scelto questo fornitore di energia elettrica perché era il più conveniente - prosegue Agnese- ma mai mi sarei aspettata tanta mancanza di umanità"

"Con enormi sacrifici - conclude - abbiamo fatto immediatamente il bonifico per saldare tutti i debiti ma non è ancora bastato perchè ci hanno detto che per ripristinare il tutto non basta la ricevuta del bonifico ma occorre che il denaro sia visibile sul conto e così siamo chiusi da 3 giorni e speriamo di riaprire al più presto"

La vicenda ha creato molto scalpore nella piccola comunità amegliese che si è stretta attorno al cafè Mirò e ai suoi gestori manifestando sdegno per il comportamento umanamente incomprensibile della compagnia di fornitura di elettricità.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Prosegue il botta risposta tra il presidente della Provincia e la consigliera Nobili. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

82enne disperso a Varese Ligure

Martedì, 07 Luglio 2020 18:57 cronaca-val-di-vara
Di lui non si hanno notizie da ieri pomeriggio. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa