Nave Magnaghi, terminata la missione scientifica nel Golfo di Pozzuoli

Dopo due intense settimane di rilievi idro-oceanografici si è conclusa l'attività di RIlievi per la CARatterizzazione dell'ambiente MARino (RICAMAR2013) del Golfo di Pozzuoli, svolta dall'Equipaggio della Nave idro-oceanografica Ammiraglio Magnaghi in collaborazione con personale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

Giovedì, 30 Maggio 2013 10:36

L'Unità della Marina Militare, al Comando del Capitano di Fregata Marco Grassi, ha svolto il duplice ruolo di base logistica e piattaforma scientifica per l'esecuzione di attività oceanografica e campionamenti del substrato marino. La strumentazione installata a bordo delle idrobarche in dotazione all'Unità ha permesso di caratterizzare sia dal punto di vista geofisico (magnetometria e stratigrafia) che batimetrico (ecoscandaglio multifascio) l'area marina della caldera dei campi flegrei.

 

Tali rilievi hanno consentito l'identificazione di strutture sottomarine di interesse, la caratterizzazione stratigrafica e qualitativa del fondale marino, il censimento delle sorgenti di emissioni gassose (fumarole) e la valutazione dei parametri chimico-fisici della colonna d'acqua con particolare riferimento alla variazione di temperatura. Mentre la rete di monitoraggio a terra del fenomeno di lento movimento del suolo a carattere episodico (bradisismo), che caratterizza l'area, è ben sviluppata ed articolata, attualmente non esistono sistemi di rilevamento della deformazione a mare. I dati raccolti pongono le basi per la creazione di osservatori marini dei fenomeni legati alla caldera.

Terminata l'attività RICAMAR2013, l'impegno della Magnaghi continua nelle acque dell'Arcipelago delle Eolie. L'Unità idro-oceanografica d'altura sarà impegnata a partire da lunedì 3 giugno in una intensa attività di rilievi ad est di Panarea, collaborando con una equipe di ricercatori dell'Istituto di Scienze Marine del Centro Nazionale di Ricerca (CNR-ISMAR). Anche questo progetto è di massima utilità poiché rivolto all'analisi geofisica ed oceanografica di un'area caratterizzata da intensi fenomeni di natura vulcanica.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Marina Militare

Sette giovani marinai da oggi fanno parte delle Forze Speciali della Marina Militare. Leggi tutto
Marina Militare
Sabato 22 e 29 gennaio Open day virtuale dell'Accademia Navale di Livorno per conoscere la vita degli allievi. Leggi tutto
Marina Militare

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa