Controlli anti-covid, 18enne si rifiuta di indossare la mascherina e insulta i vigili In evidenza

Potenziati e rimodulati i servizi della movida spezzina iniziati nella serata di ieri e conclusi a tarda notte, nel capoluogo.

Domenica, 06 Settembre 2020 11:41

Per rendere più incisivi i controlli nel centro storico, in particolare in piazza del Bastione, piazza Sant’Agostino, via Gioberti e Vico delle Mura dove negli scorsi weekend si è registrato il maggior flusso di ragazzi e giovani refrattari al rispetto delle misure anticontagio in atto, la Questura ha dispiegato un rinnovato dispositivo interforze integrato da una qualificata e rinforzata task force posta a disposizione dal Comune e dalla CRI, così come condiviso in sede di coordinamento in Prefettura già lunedì scorso, alla presenza del Dipartimento di Prevenzione ASL 5 spezzino.

Nel briefing operativo svolto verso le 20.00 dal Commissario responsabile del servizio, sotto la Questura, sono stati definiti i dettagli delle attività e subito dopo le pattuglie sono state inviate sul territorio. In Piazza del Bastione, dove era stato richiesto il posizionamento di transennamenti per meglio indirizzare e controllare i maggior flussi in transito, in tre diverse immissioni, sono state collocate squadre miste di personale della CRI affiancato da volontari dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato e Associazione Nazionale dell’Arma dei Carabinieri, presente la Polizia Municipale, con compiti di sensibilizzazione dei passanti, informazione sanitaria e invito alla collaborazione per indossare e tenere la mascherina sanitaria, oltre che di informazione delle nuove misure disposte dalla Regione poche ore prima, che ne estendono l’obbligo in provincia nelle 24 ore.

A chi è risultato sprovvisto, sono state distribuite gratuitamente le mascherine, tant’è che anche nelle ore di maggiore concentrazione, i comportamenti individuali e dei gruppi sono risultati decisamente più appropriati rispetto al passato.

Le pattuglie appiedate della Polizia di Stato hanno vigilato le stesse vie in forma dinamica, con un’attenzione particolare anche a locali e dehor. In un solo caso gli agenti della Questura hanno contestato, alle ore 23.40 in via Martino della Battaglia, la violazione di cui all’art. 4 del DL 19/2020 che prevede il pagamento di 400,00, ad un 18enne italiano residente in provincia che, assembrato con altre persone, non ha indossato la mascherina ed ai ripetuti inviti rivoltigli ad indossarla, non solo si rifiutava ma inveiva ripetutamente contro la pattuglia, tanto da dover far intervenire un secondo equipaggio per evitare che la situazione degenerasse.

Per le condotte oltraggiose ed ostili assunte nei confronti dei pubblici ufficiali procedenti in presenza di più persone, lo stesso sarà deferito all’Autorità Giudiziaria. Trattasi di soggetto ampiamente noto alla Squadra Mobile, perché già perseguito per vari reati, tra i quali lesioni, furti e spaccio di stupefacenti, parte di una baby gang disarticolata nei mesi scorsi.

Contestualmente la Guardia di Finanza, avvalendosi anche di un’unità cinofila antidroga, ha esteso i controlli a via Cavour, Chiodo e piazza Verdi dove ha rilevato una maggiore presenza di ragazzi.

Tranquilla la situazione su scalinata Fillia, grazie anche all’interdizione dell’area ballatoio più a rischio, operata dalle Poste a seguito di specifica richiesta delle Autorità Provinciali di PS. In piazza Beverini, i controlli dei militari ad un noto bar già distintosi per violazioni della normativa anticovid nelle scorse settimane, motivo per cui era stato in un’occasione sanzionato e chiuso per i 5 giorni previsti dalla Questura e in altra circostanza sempre serale sanzionato dalla Polizia locale, hanno dato luogo a nuovi rilievi i cui sviluppi sono in corso a cura di quel Comando.

Situazione tranquilla al quartiere Umbertino dove i Carabinieri hanno vigilato fino a tarda notte, rilevando uno scarso afflusso di frequentatori ed i pochi locali aperti, rispettosi dei previsti distanziamenti interpersonali.

Sul piano prettamente della sicurezza, nessun rilievo, salvo un intervento della Polizia di Stato, che si è risolto in pochi minuti, in questa via Gioberti, dove un gruppetto di ragazzini stava per venire alle mani per futili motivi.

Anche Sarzana ha visto servizi interforze rinforzati per le maggiori presenze di visitatori legate al Festival della Mente, già a partire dalla serata di venerdì, con il centro particolarmente affollato e fruizione della città in piena sicurezza per tutti.

Il presidio dinamico delle pattuglie di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia locale, nei noti luoghi di aggregazione giovanile, piazze Garibaldi e Battisti, Cittadella, area Cabano, piazzale Jurghens hanno scoraggiato le condotte scomposte registrate in alcuni fine settimana.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L’energia solare è una fonte rinnovabile, pulita e gratuita: per queste ragioni il mercato del fotovoltaico vive una stagione di grande crescita in Italia come nel resto del mondo Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Elena Voltolini - Una storia travagliata, con ostacoli ancora da superare. Il punto della situazione. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa