Una colletta per salvare Pandora e Vela Tradizionale (video)

La chiamata d'aiuto dell'associazione spezzina, raccontata dai giovani associati.

Lunedì, 26 Ottobre 2020 19:50

Video

 

Quale spezzino ha mancato di soffermarcisi davanti, fantasticando sui personaggi che l’hanno guidata, sui mari che l’hanno vista stagliarsi nella sua inconfondibile forma! Come gli adulti anche e soprattutto i più piccoli la guardano con ammirazione, rapiti da quell’aspetto antico che la rende unica nel suo genere, “matrona” di una serie di gozzetti a vela latina che le stanno a fianco come pulcini vicino alla chioccia. Sono le unità naviganti dell'ASD VelaTradizionale, fondata nel 2012, di cui la goletta Pandora è ammiraglia.
Le attività associative si riassumono in pochi punti chiave: diffusione della cultura del mare, navigazioni didattiche rivolte ai soci, con dedizione a bambini e disabili, attività di recupero delle barche secondo i metodi tradizionali.

“L'idea, che all'estero è consolidata, è semplice: a bordo della barca, l'equipaggio è tenuto a collaborare secondo dinamiche di team - spiegano i giovani associati - importante valore per un gruppo di ragazzini che imparano, così, a divertirsi rispettando le regole di bordo e a lavorare insieme, navigando a vela come una volta. Le stesse crociere, vissute da soggetti con diverse abilità, offrono spazio all'esplorazione delle proprie capacità ed alla socializzazione; il tutto svolto di concerto con le Associazioni di settore”.

Le esperienze in mare vanno di pari passo con l'attività di recupero e manutenzione. E’ da qui che, in realtà, si parte perché “un conto è navigare su una barca in quanto socio, un altro è metterci le mani e, solo dopo, utilizzarla in mare. Cambia tutto e dà il senso di ciò che fai”.

VelaTradizionale procede infatti al recupero di gozzi considerati perduti: così alla navigazione in barca, si affianca l’apprendimento dell’arte di lavorare il legno, competenza rara al giorno d'oggi, e rappresentata in associazione da un giovane Maestro d’ascia, Cesare Cortale. Attraverso la collaborazione con il Polo Universitario Marconi, i laureandi hanno portato a termine tirocini e tesi di laurea.

“Riteniamo importante la presenza di una realtà come questa, sul territorio, per preservarne le tradizioni legate al mare” – continuano i promotori.

Quest'anno anche l'associazione si trova in difficoltà economiche: così i soci hanno lanciato una colletta, condizione necessaria per non costringere i giovani ad interrompere le attività.

“È importante che VelaTradizionale sopravviva a questo difficile momento storico, e che continui ad arricchire il nostro Golfo con le sue attività”.

In questi giorni è partita una raccolta fondi secondo il metodo del crowdfunding.

Chi volesse donare può cliccare qui.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra- Di fronte lo Spezia di Italiano e la Lazio di Simone Inzaghi (0-0) Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il Comune stanzia un contributo straordinario e rinnova la convezione per l’anno 2020-21 in favore delle strutture presenti sul territorio Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa