Ora basta un click per vedere esami e referti dei pazienti, ecco il nuovo mega-archivio dell’Asl In evidenza

Già attivo il nuovo sistema PACS per una condivisione digitale delle immagini diagnostiche tra Asl liguri e singoli dipartimenti.

Mercoledì, 07 Aprile 2021 21:48

Un nuovo sistema di condivisione digitale delle immagini diagnostiche sia tra i dipartimenti interni all’azienda sanitaria sia tra le diverse Asl liguri.

Si chiama PACS (Picture Archiving and Communication System) il nuovo mega-archivio già collaudato a fine 2020 dall’Asl, nel rispetto della normativa sulla privacy, che permette una valutazione in tempo reale di quadri clinici complessi che richiedano il coinvolgimento di più branche specialistiche.

Basta quindi con referti con interfacce diverse tra Asl e tra gli stessi dipartimenti: ora la tecnologia consente ai medici di avere a disposizione con un click informazioni più complete sul paziente – anche referti risalenti a dieci anni fa – fornendo quindi un migliore servizio di presa in carico e cura.

L’interfaccia unica di PACS, infatti, semplifica notevolmente la consultazione della storia clinica e rende possibile confrontare in modo simultaneo e integrato le immagini diagnostiche per scegliere la migliore strategia di cura. Un sistema che si rivela particolarmente utile nel pronto soccorso, per ricostruire la storia clinica del paziente e confrontare gli esami attuali con quelli precedenti.

“Si tratta di un momento importante per l’azienda e per tutto il territorio”, ha commentato il direttore generale dell’Asl5 Paolo Cavagnaro.

“È un progetto che ritengo un salto nel futuro: ora il sistema si mette al servizio del paziente, con un tesoro di dati che in prospettiva potrà essere utile per studiare determinate patologie – ha aggiunto il sindaco Pierluigi Peracchini – Certe volte leggo critiche di una bassezza incredibile nei confronti della nostra sanità, spesso perché non c’è un minimo di comprensione di quello che devono affrontare ogni giorno gli operatori sanitari. Io invece vi ringrazio, perché da inizio emergenza non avete mai mollato un giorno”.

DSC 0082 min

Il presidente del Consiglio regionale Gianmarco Medusei ha invece sottolineato l’importanza di non dimenticare che “esistono tante altre patologie oltre al Covid. L’emergenza ha determinato molti casi di diagnosi tumorali ritardate – ha proseguito Medusei – Bisogna al più presto tornare ad occuparci delle diagnosi precoci e di tutte quelle patologie croniche che meritano grande attenzione, a maggior ragione in un territorio come il nostro in cui vivono molti anziani”.

Attualmente in Asl5 il nuovo sistema è utilizzato a pieno regime nelle strutture complesse di Radiologia e Medicina nucleare, mentre ne è stato avviato l’utilizzo nelle strutture di Cardiologia della Spezia e di Cardiologia riabilitativa di Sarzana per quanto riguarda l’emodinamica e l’ecocardiografia. Entro l’autunno sarà completata anche la digitalizzazione relativa ad elettrofisiologia ed elettrocardiogramma e il progetto sarà esteso fino a ricomprendere anche la Cardiologia “territoriale” (visita cardiologica, elettrocardiogramma ed ecocardiografia). Questo porterà ad un’unificazione di tutti i processi diagnostici cardiologici all’interno di Asl5, includendo entrambi gli ospedali e i tre distretti territoriali.

A livello regionale, invece, PACS attualmente “collega” Asl1, Asl2 e Asl5 (a breve anche il policlinico San Martino di Genova aderirà al progetto), con la possibilità in un secondo tempo di aggregare al sistema di condivisione digitale anche altre aziende ospedaliere e sanitarie.

Il presidente della Commissione regionale salute e sicurezza sociale Brunello Brunetto, che oggi ha iniziato proprio dalla Spezia un “tour” nelle Asl liguri, ha sottolineato infine l’importanza di una “omogeneizzazione della trasmissione delle immagini con una piattaforma comune in tutta la regione”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L'uomo è stato portato nel carcere della Spezia dove vorà scontare la condanna. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa