Sarzana: ristoratori e commercianti bloccano il traffico sull'Aurelia In evidenza

di Alessio Boi - Con striscioni e fischietti manifestano ancora in strada per chiedere di poter lavorare.

Mercoledì, 14 Aprile 2021 16:50

Ristoratori, commercianti, partite iva, titolari di palestre scendo ancora sull' Aurelia a Sarzana per bloccare il traffico e manifestare contro il Governo e chiedere di lavorare. Questa volta il presidio è stato organizzato con le autorizzazioni della Prefettura e l'organizzazione da parte delle Forze dell'Ordine che hanno gestito il traffico. La mobilitazione ha visto l'unione di diverse categorie che, con striscioni, fischietti e megafoni si sono fatti sentire da passanti, automobilisti e lavoratori che percorrono una delle vie più trafficate e importanti di Sarzana.

Il grosso collegamento stradale ha subito diversi rallentamenti nonostante i manifestanti si mettessero in strada con il semaforo rosso per le vetture e verde per i pedoni. Si è trattato però di una protesta pacifica e che ha trovato il sostegno di diversi automobilisti e trasportatori che hanno mostrato la loro vicinanza suonando il clacson e partecipando a tempo ai cori delle persone in strada, le quali hanno cercato di lanciare un messaggio simbolico.

Le motivazioni dell'adesione all'iniziativa sono molto simili a quelle che li hanno spinti in passato a mobilitarsi.

"È la seconda volta che facciamo una protesta di questo tipo e non sarà neanche l'ultima finché chi governa non ci ascolterà - così commenta Eros Sabella, titolare del Kulchur 21 - abbiamo speso soldi per adeguarci alle norme anti-covid e poi ci hanno chiuso ugualmente - poi commenta le voci sulle riaperture - lavorare non è una questione di orari e non c'è differenza tra il giorno e la notte, anche se il passaggio del coprifuoco a mezzanotte sarebbe un passo avanti, ma adesso non possiamo lavorare e chiediamo di riaprire le nostre attività".

Antonella Ballestracci del Kookami: "Manifestiamo per i nostri diritti, non ci interessa la cassa integrazione e i ristori: vogliamo lavorare - e ancora - le voci delle riaperture dal Governo non ci tranquillizzano perchè spesso non hanno rispettato quello che hanno detto".

Poi Sandro Baudoni del Ristoro nell'Aia: " Siamo qui perché chiediamo di riaprire le nostre attività dopo 14 mesi di chiusura - e sottolinea - abbiamo bisogno anche di date certe per poterci organizzare".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Le linee guida per una buona levigatura dei pavimenti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le organizzazioni sollecitano l'Italia a farsi promotrice di "un'azione diplomatica di pace e di rispetto del diritto internazionale". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa