Musealizzazione del sommergibile Da Vinci, occorre fare presto e bene

Il sommergibile, attualmente ormeggiato in riserva tecnica presso la base navale della Spezia, ha bisogno di urgenti interventi di manutenzioni

Sabato, 05 Giugno 2021 10:04

 

Si stanno susseguendo sulle pagine delle testate cittadine e sui media locali gli interventi dei diversi interlocutori istituzionali e non solo, sulla possibilità di avviare un percorso virtuoso sul Turismo Militare nella nostra città; percorso ovviamente connesso alla possibilità che la Marina Militare possa cedere parte del suo patrimonio storico alla Città, per rendere fruibili i luoghi storici militari, specialmente quelli del XIX secolo che prevedono anche eccellenze sul fronte della storia dello sviluppo industriale militare.

Occorre ricordare come la CSE/FLP spezzina abbia individuato sin da subito e in tempi non sospetti tale percorso come una possibile attività determinante per offrire ai turisti una nuova forma di vacanza di grandissimo interesse, in analogia con quanto positivamente praticato in altri luoghi d’Italia, per fare un esempio, ricordiamo i circa 20.000 visitatori all’anno che si recano sul Monte Soratte, nel territorio romano, per visitare i 4 km di bunker militari.

Per questi motivi, crediamo che i recenti sviluppi sulla musealizzazione del sommergibile Leonardo Da Vinci quale nuova fonte di attrazione turistica, possa rappresentare il senso della volontà comune di puntare su questo progetto legato alle strutture storiche militari, ma dobbiamo fare presto; infatti il sommergibile, attualmente ormeggiato in riserva tecnica presso la base navale della Spezia, ha bisogno di urgenti interventi di manutenzioni e quindi, ritardarne la consegna al Comune potrebbe tradursi in un aumento dei costi stimati. Come CSE/FLP spezzina riteniamo che il Comune della Spezia, avendo già un progetto di qualità ottenuto con la collaborazione dell’Amm. Dino Nascetti, trovate le risorse economiche e definita la gestione finanziaria, possa velocemente e formalmente concludere con Marinanord la procedura di passaggio di consegne, inoltre, siamo convinti che anche il museo Tecnico Navale della Spezia possa rappresentare un’attrazione turistica unica, che soddisfa tutte le curiosità del mondo marinaresco e militare ed è per questo che ci auguriamo che il sommergile Da Vinci, una volta musealizzato, possa essere inserito anche all’interno del circuito di visita del Museo, inoltre, questo permetterebbe ai possibili investitori, grazie al Sistema Nazionale dei Musei, l’accesso ai contributi dei fondi previsti dalla legge n°6 del 10 gennaio 2000.

Da molti anni proponiamo anche di utilizzare gli spazi intorno al Museo Tecnico Navale al fine di permettere la programmazione e lo sviluppo di importanti mostre temporanee con opere stupende appartenenti a quei musei che per mancanza di spazi non riescono ad esporre e valorizzare; quanto sopra con lo scopo di attirare nuovo pubblico in un percorso virtuoso di sviluppo che tutto l’indotto può muovere nella nostra città. In ultimo, pensiamo che possano essere programmati anche tour sull’Isola del Tino e sull’Isola Palmaria, sempre nell’ambito dell’offerta turistica legata alla valorizzazione delle aree monumentali storiche militari, impegnando guide selezionate che accompagnino i turisti nelle aree monumentali e al Faro. Come CSE/Flp spezzina siamo convinti che queste idee possano dare un contributo allo sviluppo della nostra Città, fermo restando la necessità che si avvii una fase di riflessione e di proposta anche sulla ruolo e sulle attività della Base Navale, non solo con riferimento alle aree presenti ma anche e sopratutto legate alla funzione ed al possibile tenuta dei livelli occupazionali.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Due nuovi treni sui binari della Liguria

Sabato, 31 Luglio 2021 14:39 cronaca
Superata la metà della fornitura dei nuovi convogli che devono essere consegnati da Trenitalia alla Regione entro il 2023. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In una fase particolare, con occasioni di crescita e potenziamento. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa