Garage di un palazzo trasformato in discarica: 15 condomini multati, uno rischia fino a 26 mila euro In evidenza

L'amministratore ha sporto una querela e gli agenti della Polizia Locale sono risaliti ai responsabili.

Giovedì, 17 Giugno 2021 09:09

A metà del mese di febbraio, grazie alla querela sporta da un amministratore condominiale presso il comando della Polizia Locale di Santo Stefano di Magra, gli agenti sono venuti a conoscenza del fatto che all’interno del garage sotterraneo del condominio amministrato dallo stesso querelante, si stavano verificando grosse problematiche dal punto di vista igienico sanitario.

Nelle stesse ore, anche l’assessore all’ambiente Gionni Giannarelli ha messo al corrente della stessa identica situazione il comando guidato dal comandante Maurizio Perroni. Gli agenti, coordinati sul posto dal vicecomandante Andrea Prassini, si sono immediatamente attivati a seguito della querela sporta dall’amministratore, anche perché la situazione era davvero paradossale e lo “spettacolo” che si è presentato agli operatori di polizia intervenuti aveva dell’incredibile: una montagna di spazzatura di circa 30 mq all’interno del garage condominiale, con ogni genere di spazzatura: da rifiuti organici a plastica, vetro, metalli e perfino un’ingente quantità di pannoloni.

Il vicecomandante e gli agenti hanno passato al setaccio ogni sacchetto e dopo circa 5 ore di lavoro ininterrotto e in mezzo alla spazzatura, sono riusciti a trovare un’ingente quantità di tracce che hanno portato a dati inequivocabili. L’encomiabile lavoro svolto dagli agenti, che è durato ininterrottamente oltre 3 mesi, con l'incrocio dei dati trovati anche con le immagini di videosorveglianza, ha permesso di risalire alla totalità dei responsabili. I numeri dell’indagine sono piuttosto esemplari perché si parla di 83 condomini e di ben 38 procedimenti in itinere in parallelo.

Di questi, molti si sono riuniti in un unico procedimento in quanto i responsabili fanno parte dello stesso nucleo famigliare. Dopo aver notato che gli agenti si sono occupati di questa imbarazzante situazione, diversi condomini che invece hanno sempre tenuto un atteggiamento corretto, non hanno mancato di manifestare apprezzamenti nei confronti del comando, presentandosi di persona per complimentarsi. All’esito delle lunghe e complesse indagini, sono stati 15 i soggetti verbalizzati con una sanzione da 600 euro l’uno, così come previsto dalla normativa nazionale per un totale di ben 9.000 euro di verbali i cui proventi vanno interamente alla Provincia della Spezia oltre, ovviamente, alla pulizia e alla disinfezione del garage per la quale l’amministratore ha dovuto necessariamente interpellare una ditta specializzata.

Per uno dei condomini, invece, titolare d’impresa, visto l'abbandono di rifiuti che si rifanno alla sua attività commerciale, la questione è ben più seria e con tutta probabilità sarà denunciato all’autorità giudiziaria: rischia una multa fino a 26.000 euro e l’arresto fino ad un anno.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

In tutti i casi per le vittime è stato necessario ricorrere alle cure sanitarie Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il commento dell'assessore Brogi: "Complimenti allo sport Ligure e al nostro concittadino per il grande risultato conseguito" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa