Per mesi picchia e minaccia la moglie, 50enne arrestato dai Carabinieri In evidenza

Già mesi fa la donna aveva raccontato tutto ai Carabinieri, ma aveva deciso di ritentare la convivenza.

Giovedì, 29 Luglio 2021 16:47

Ieri i Carabinieri di Villafranca in Lunigiana, a conclusione di una complessa quanto delicata attività d’indagine, hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 50enne residente in Lunigiana.

La vicenda era iniziata alcuni mesi fa quando la moglie dell'uomo, una 47enne lunigianese, stanca di una marito divenuto particolarmente violento e costretta da tempo a vivere in un vero e proprio stato di soggezione fisica e psichica, aveva deciso di raccontare tutto ai Carabinieri.

Come spesso accade in questi casi, la donna in un primo momento si era convinta a lasciare il marito ma poi, impietosita dalle promesse dell’uomo e padre dei suoi due figli minori, confortata dalla presenza in casa di alcuni parenti e incoraggiata dal fatto che veniva seguita anche dalle locali strutture mediche, aveva deciso di riprendere la convivenza; dopo alcuni giorni il 50enne, convinto dai familiari a recarsi nel suo paese d’origine, in Campania, lasciava la casa coniugale con il proposito di fare ritorno non appena ristabilitosi. Intanto dei fatti sopra descritti veniva informata l’autorità giudiziaria di Massa.

Al suo rientro in Lunigiana l’uomo sembrava cambiato, ma purtroppo, dopo poco tempo, ha ripreso i comportamenti vessatori nei confronti della moglie. Finalmente la donna ha capito che non c’era altra strada e con quel poco di coraggio rimastole si è rivolta nuovamente ai Carabinieri, che hanno comunicato tutto alla Procura di Massa. Risultato: nei confronti dell'uomo veniva emesso il divieto di dimora nel comune di residenza.

Ma il 50enne non solo ha violato quanto disposto dal giudice, ma ha minacciato e malmenato per l’ennesima volta la moglie, che ancora una volta trovava il coraggio per denunciare questi nuovi e gravi episodi. Veniva fatta una nuova comunicazione alla Procura della Repubblica di Massa e immediatamente il dott. Marco Mansi richiedeva e otteneva dal giudice, dott. Dario Berrino, una misura più afflittiva che impedisse all’uomo di avvicinarsi nuovamente alla donna: gli arresti domiciliari senza alcun permesso ad allontanarsi.

La misura è stata subito eseguita e l’uomo è stato portato in una struttura preventivamente individuata dagli agenti. I Carabinieri traggono spunto da questa triste vicenda familiare, purtroppo non isolata, per dire a chi subisce violenze, spesso solo psichiche, di non aver paura: la denuncia è l’unico mezzo per riacquistare quella dignità che consente di essere “liberi” e di fare anche le cose più banali, senza la paura che un'altra persona ti annienti come, purtroppo, è avvenuto nella vicenda in questione.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Contro la Juve la squadra di Motta ha giocato alla pari, peccato per le occasioni sprecate che potevano chiudere la partita nella ripresa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Massimo Guerra - Vice la Juve, ma lo Spezia ha dimostrato di potersi ritagliare un ruolo anche quest'anno. Resta l'amaro in bocca per la prestazione di questa sera. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa