500 metri cubi di letame abbandonato, denunciato titolare di un maneggio In evidenza

Il letame è un rifiuto speciale e pertanto dopo il preliminare stoccaggio in concimaia deve essere consegnato a ditte abilitate per essere trasformato in fertilizzante.

Sabato, 07 Agosto 2021 11:35

Militari appartenenti alla stazione Carabinieri forestale di Follo coadiuvati dal personale ispettivo dell’ufficio di igiene e sanità pubblica dell’Asl 5 spezzino hanno eseguito un controllo sulla corretta gestione del letame prodotto dai cavalli presenti presso un maneggio nel Comune di Follo.

Al termine dell’attività di indagine è stato accertato che un notevole quantitativo di deiezioni prodotte dai cavalli veniva accumulato in un terreno limitrofo al maneggio.

La legge prevede invece che il titolare del maneggio debba allestire una concimaia impermeabilizzata all’interno della quale depositare il letame allo scopo principale di evitare che questo, a contatto con il terreno, possa percolare arrecando danno alle matrici ambientali, in particolare alla falda idrica.

Infatti il letame è un rifiuto speciale e pertanto dopo il preliminare stoccaggio in concimaia deve essere consegnato a ditte abilitate per essere trasformato in fertilizzante.

La trasformazione in fertilizzante potrebbe essere effettuata anche in loco dal produttore del rifiuto a condizione che questo sia munito di una specifica autorizzazione.

Al momento dell’accertamento i forestali hanno stimato un quantitativo di letame accumulato pari a circa 500 metri cubi che dovranno essere rimossi dai responsabili i quali sono stati denunciati per gestione illecita di rifiuti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Le note positive vengono dai recuperi di giocatori importanti per la squadra, a partire da Agudelo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa