Si prostituivano e pagavano gli annunci a un'organizzazione criminale con ricariche su Postepay In evidenza

La Finanza sequestra denaro e beni immobili per quasi 800 mila euro.

Giovedì, 14 Ottobre 2021 20:02

I finanzieri del comando provinciale della Spezia hanno dato esecuzione a un provvedimento emesso dal Tribunale, sottoponendo a sequestro preventivo disponibilità finanziarie e beni immobili per un valore complessivo di oltre 780 mila euro nei confronti di sei soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, riciclaggio, autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e falso ideologico e materiale.

L’attività eseguita dagli investigatori della Guardia di Finanza spezzina ha permesso di portare a termine un’indagine avviata nel 2019, che ha approfondito alcuni flussi finanziari anomali, da cui emergeva una vorticosa operatività sviluppata su carte di pagamento Postepay, intestate a soggetti domiciliati su tutto il territorio nazionale ma poi rivelatesi in uso effettivo agli indagati. Le carte erano strumentali a un servizio illecito di favoreggiamento della prostituzione, da cui conseguivano lauti guadagni per l’organizzazione criminale.

In particolare, le donne dedite alla prostituzione effettuavano ricariche sulle carte per ottenere la pubblicazione, su noti siti di incontri personali, di annunci accuratamente confezionati e gestiti a cura del sodalizio, che impiegava le somme accreditate sulle carte in parte per sostenere le spese di pubblicazione e in parte per effettuare investimenti in cripotovalute.

La ricostruzione investigativa dei militari della Guardia di Finanza, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica, ha retto sia il vaglio del Tribunale del Riesame di Genova che quello, definitivo, della Suprema Corte di Cassazione. All’esito dell’indagine, condotta con avanzate tecniche investigative e coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica Elisa Loris, sono state ricostruite tutte le attività delittuose compiute, proponendo misure cautelari personali eseguite nel mese di luglio 2021 con l’arresto di un soggetto di origine dominicana e l’interdizione dai pubblici uffici di un anno per un soggetto italiano, nonché reali con il sequestro di due immobili nel comune di Massa Carrara.

foto di repertorio

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La ragazza è caduta da un'altezza di circa otto metri procurandosi dei traumi alle gambe e al torace. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Una bella storia, vincente, che stimola a progettare attivitá ed iniziative intorno a quest’opera" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa