Cantieri sospesi, falsi artigiani, scambio ruolo da furbetti: ispettori del lavoro in azione In evidenza

Due cantieri edili sospesi per lavoro nero, tre falsi artigiani riqualificati come dipendenti (due a una ditta emiliana e uno a una ditta spezzina) e, per finire, un "caso particolare" in città: su segnalazione della Polizia Municipale gli ispettori del lavoro hanno trovato in cantiere il titolare, un cittadino dominicano e un dipendente, italiano, ma tutto questo solo "sulla carta".

Lunedì, 07 Ottobre 2013 13:35
È bastato scambiare due parole per individuare gli effettivi ruoli, e poco di più per capirne i motivi: l'italiano, ex imprenditore fallito, ha fatto aprire ditta ad un operaio di sua conoscenza, facendosi segnare come dipendente, anche se in realtà è proprio lui, l'italiano, a dirigere le operazioni ed a gestire ditta. A modo suo, ovviamente: gli ispettori si sono trovati di fronte anche un operaio in nero, chiamato a lavorare dall'italiano, evidentemente fallito non per pura fatalità. Nei cantieri sospesi nell'ultima settimana – uno a Arcola e uno a Sarzana – gli ispettori hanno trovato, rispettivamente, tre marocchini in nero in una ditta che ne occupava complessivamente quattro, ed un rumeno in nero in una ditta che ne occupava invece altri tre in regola. Ad Arcola la ditta – impegnata in lavori di intonacatura esterna – aveva un solo operaio in regola. Ad essere precisi, lo aveva assunto a luglio in Toscana, dopo aver ricevuto la visita degli ispettori del lavoro di Massa che lo avevano costretto a regolarizzare il rapporto lavorativo, perché fino a quel momento era l'unico operaio in forza. Ad Arcola a quell'operaio se ne sono aggiunti altri tre, come detto in nero, sprovvisti di dpi e senza visita medica, ragioni per cui il cantiere è stato immediatamente sospeso. A Sarzana invece situazione rovesciata, con un solo operaio non in regola su quattro complessivi, ma anche in questo caso è scattata la sospensione, perché la percentuale di sommerso era comunque superiore al 20 per cento. A Sarzana inoltre, al titolare della ditta è stato contestato di aver messo in uso la betoniera senza quadro elettrico. Per riaprire i cantieri i titolari delle due imprese hanno dovuto pagare i 1.500 euro per la revoca delle sospensioni, regolarizzare le posizioni lavorative con contratti a tempo indeterminato, oltre a dover rispondere alle maxi- sanzioni previste per il collocamento ed alle sanzioni pecuniarie connesse alla normativa sulla sicurezza.

(7 ottobre)

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Ministero del Lavoro e delle politiche sociali

Dal 20 al 26 ottobre prossimo si svolgerà la "Settimana europea per la sicurezza sui luoghi di lavoro". L'iniziativa è inserita nell'ambito della Campagna Biennale 2014-2015 intitolata "Insieme per la prevenzione… Leggi tutto
Ministero del Lavoro  e delle politiche sociali
Anche a Genova si conferma il trend negativo del mercato immobiliare, seppure con un sostanziale rallentamento di tale flessione. Leggi tutto
Ministero del Lavoro  e delle politiche sociali

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa