Metti che ci sia un'alluvione: la scuola e l'emergenza In evidenza

GENOVA – Comportamenti coordinati in caso di allerta, e una nuova cultura che le scuole devono definire e promuovere insieme agli studenti di fonte a tutte le calamità naturali, dalle alluvioni, ai terremoti agli incendi.

Lunedì, 10 Settembre 2012 23:13
Di questo si è parlato nel corso della giornata di studio tra il mondo della scuola, i Comuni liguri e il sistema di protezione civile regionale promossa dalla Regione Liguria, con l'Ufficio Scolastico regionale, presso il Teatro della Gioventù di Genova, per fare un passo avanti sulla percezione del rischio e la sua gestione, proprio in coincidenza con la riapertura delle scuole.

"Serve una cultura comune di fronte ad un territorio che non può mai essere a rischio zero – ha detto l'assessore alla protezione civile della Regione Liguria, Renata Briano – anche se è bene tenere presente che non possono esistere comportamenti uguali da parte di tutte le scuole che devono però conoscere i piani di emergenza dei Comuni e sapere come è il loro territorio e se sono ad esempio a rischio inondazione".

"Di fronte ad un alluvione non si può immaginare che tutte le scuole chiudano – ha ribadito Briano – ma magari mettano in circolazione il minor numero possibile di persone e certe scuole, se sono in zone a rischio, è bene non facciano uscire nessuno in coincidenza con l'evento, ma aspettino che la situazione si normalizzi, trovando anche quei sistemi di comunicazione con le famiglie che aiutino tutti a stare più tranquilli".

Tutto ciò è particolarmente difficile in Italia dove, come è stato sottolineato da Elvezio Galanti del dipartimento nazionale di protezione civile, "non c'è una cultura dell'addestramento, come in altri Paesi, e della diffusione delle conoscenze scientifiche, perché un cittadino informato vale tre volte".

E per quanto riguarda i sistemi di allerta, differenti da regione a regione, Galanti ha anticipato che "è in corso una loro revisione che porterà, entro ottobre, ad una loro omogeneizzazione".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Gino Ragnetti

Spezia? Non è zona sismica. Però...

Domenica, 30 Giugno 2013 17:30 cronaca
di Gino Ragnetti LA SPEZIA – Ma Spezia, è zona sismica o no? Siamo in pericolo anche noi come gli amici dell'Emilia? È questa ormai la domanda che ricorre più… Leggi tutto
Gino Ragnetti
GENOVA. E' stato siglato questa mattina in commissione consiliare salute un accordo sulla proposta operativa, presentata dall'ARS, l'agenzia regionale della sanità, per la messa a regime dei nuovi presidi per… Leggi tutto
Gino Ragnetti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa