Lettera da Vezzano/ Ai Prati, fare un ampliamento di 20 mq è un delirio In evidenza

Il 31 dicembre, termina, in nove regioni (tra cui la Liguria) la validità dei piani casa, per ingrandire o ricostruire edifici (salvo, possibili proroghe dell'ultima ora).

Domenica, 19 Luglio 2015 08:07

Dal 2009, con il "piano casa", in tutte le Regioni italiane, è possibile ampliare abitazioni, con un premio di volumetria (di solito pari al 20%). Renzi, con la sua normale "loquacità quotidiana", afferma che l'obiettivo della riforma della riorganizzazione della Amministrazione pubblica, tra le altre cose , è quello di rendere l'edilizia più snella, nel rilascio dei certificati, che va dal permesso di costruire alla autorizzazione sismica, che alcuni Comuni lo chiedono anche per la realizzazione di loculi cimiteriali. E' proprio di oggi, che i Sindacati, in testa la Camusso, denunciano che l'Edilizia, sia pubblica che privata, è ferma, e che si è arrivati, in questi anni alla perdita di 800.000 posti di lavoro nel settore. Posso comprendere, la crisi, le ridotte possibilità finanziarie della gente, ma, questo piccolo caso, che vado ad esporre, potrebbe essere la causa-effetto di questa crisi dell'edilizia. Comune di Vezzano Ligure (ma non solo), in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico, Prati, lato monte, una zona che di paesaggistico ha ben poco, in quanto, si trova esposta ad un eccessivo inquinamento acustico ferroviario, stradale, con seri disaggi per gli abitanti, e dove a monte di questa zona, le amministrazioni PDS, DS, hanno violentato una bellissima collina verde, mediante la costruzione di numerosi palazzi, distruggendo il vero paesaggio vezzanese; nel caso si volesse realizzare un ampliamento di soli 20 mq di una casa già esistente, avente la consistenza di 100 mq. ciò, comporterebbe una situazione di questo tipo: realizzazione di 20 mq. di ampliamento, con specifiche esigenze di insonorizzazione termica ed acustica , eseguita in legno (antisismica, eco-compatibile, resistente al fuoco ecc. ) completa di tetto, da preventivo, il costo è 19.500,00 + IVA; passiamo ora, ai preventivi per la realizzazione dell'ampliamento da un punto di vista tecnico (sono stati confrontati n. 3 preventivi), il costo si aggira dai 17.000-18.000 euro, per una serie infinita di certificati, autorizzazioni, che vanno, dalla sovraintendenza beni ambientali, Arpal terre e rocce da scavo, nullaosta paesaggistico, collaudi, direzione lavori "architetonica", pratica Dia, nulla osta vincolo ferroviario, computo metrico completo, Relazione Geologica, progetto strutturale da depositare presso la provincia; Progetto architettonico, relazione termotecnica, ecc. ecc.ecc .ecc. Posso capire, l'importanza della relazione geologica, del progetto architettonico, della sismica, della direzione lavori, ma il resto?

(Mario Bonelli, dottore commercialista in La Spezia)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Elena Voltolini – Chi sono le persone che si sono rivolte alla Caritas e perchè? E ora si temono le ripercussioni del blocco degli sfratti e dei licenziamenti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Giacomo Cavanna - Il libro della festa della Marineria verrà distribuito il 25 e il 26 giugno, il devoluto alla Stella Maris. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa