Oggi scatta il nuovo orario Trenitalia, sulle Cinque Terre tanti punti interrogativi In evidenza

Entra in vigore oggi, lunedì 4 gennaio, il nuovo orario Trenitalia, con sostanziali modifiche ai convogli su tutto l'arco della Regione Liguria. Un nuovo orario, però, sul quale non sono certo sopite le polemiche, anzi. I nodi cruciali e le discussioni più accese riguardano il tratto della riviera di Levante, in particolare i collegamenti tra le Cinque Terre e tra queste e La Spezia da una parte e Sestri Levante dall'altra.

Lunedì, 04 Gennaio 2016 09:30

"Abbiamo stilato questo nuovo orario con Trenitalia" - ha affermato in una intervista l'Assessore ai Trasporti della Regione Liguria Gianni Berrino - "per rispondere alle esigenze di pendolari e studenti. Resta, però, il problema delle Cinque Terre e la differenziazione tra flussi turistici e pendolari. Noi siamo comunque aperti al confronto e anche a fare un passo indietro. Nulla è irrimediabile: se i sindaci delle Cinque Terre ed il Parco ci dicessero, uniti, che preferiscono tornare alla situazione dello scorso anno, che preferiscono nessun aumento, nè di costi nè di treni, noi siamo disposti a tornare indietro, anche se riteniamo che la situazione dello scorso anno non sia sostenibile. Noi, come Regione, pensiamo che i ritardi ed i treni e le stazioni stracolmi del passato dovrebbero essere superati per fornire un servizio migliore ma, ripeto, se tutti i Sindaci delle Cinque Terre ed il Parco ci dicessero che vogliono tornare ala situazione dell'anno scorso, noi siamo disponibili".

Che questa sia e sarà, o meno, la soluzione lo si scoprirà solo nelle prossime settimane; certo è che la questione va dipanata perchè il malcontento dei pendolari è evidente e le difficoltà sono segnalate da molti. Basta semplicemente leggere i commenti al post messo sulla propria pagina Facebook dallo stesso Gianni Berrino per capire che la questione è apertissima.

L'interscambio nella stazione di Sestri Levante e in quella di Levanto, che allungano i ttempi di viaggio di circa 30 minuti, i Comuni di Deiva, Framura e Bonassola che si sentono tagliati fuori, la metropolitana leggera che non convince nessuno, solo per citare i problemi più condivisi.

Insomma, tutto da rivedere.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Giacomo Cavanna - La CGIL interviene sulla riqualificazione dell'ex Colonia Olivetti di Marinella chiedendo maggiori risposte e garanzie Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Un decesso al San Bartolomeo di Sarzana Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa