Cinque Terre, Trenitalia: "Offerta al top". La replica dei cittadini promotori del ricorso al TAR: "I ritardi saranno colpa del...mare mosso" In evidenza

Botta e risposta tra Trenitalia Liguria ed i cittadini che hanno promosso il ricorso al TAR contro il nuovo orario dei treni ed il "5 Terre Express".
Numeri alla mano si difendono le proprie posizioni: da una parte i numeri sono quelli dei treni, delle fermate e dei posti sui convogli, di un'offerta che, si sostiene, non è mai stata così ampia; dall'altra invece i numeri sono quelli dei minuti di ritardo dei treni e dei disservizi.

Mercoledì, 27 Aprile 2016 20:23

 Ecco il comunicato di Trenitalia, all'indomani del ponte del 25 aprile.

"Quel che si è scritto sui media, in merito al servizio ferroviario regionale delle Cinque Terre, ha bisogno di essere corredato da alcuni dati e informazioni indispensabili alla formazione di opinioni scevre da pregiudizi.

Rispetto alla massima offerta ferroviaria, realizzata nell'estate del 2015, Regione Liguria e Trenitalia Regionale hanno aumentato il numero di corse del 24%, il numero di fermate del 40%, i posti a sedere del 25%, arrivando a offrire circa 50mila posti al giorno. E' nato un servizio ad hoc, il "5 terre express", che ha consentito la separazione dei flussi turistici da quelli dei pendolari, con un evidente vantaggio anche per questi ultimi. In accordo con la Regione Liguria questa sorta di metropolitana è stata potenziata con altre 21 corse regionali che, anziché transitare, nei weekend fermano in tutti e cinque i borghi spezzini, recependo anche le istanze dei residenti. Ogni ora da ogni stazione partono tre corse verso La Spezia e tre verso Levanto, realizzando un servizio che non conosce analogie se non in alcune aree metropolitane ad altissima frequentazione.

La domanda cresce: nell'ultimo ponte gli incassi delle biglietterie e self service tra La Spezia e Levanto sono aumenti del 35% rispetto al ponte del 25 aprile 2015 e del 4% rispetto a Pasqua 2016, che già aveva fatto registrare il record assoluto. Anche il Parco ha registrato un nuovo record di vendite il 24 aprile, fatto che dovrebbe far piacere a tutti gli operatori. Nell'ultimo ponte festivo le tre biglietterie di La Spezia, Monterosso e Levanto erano aperte per la massima capacità possibile: La Spezia quattro sportelli, Monterosso e Levanto due sportelli nelle ore di massima affluenza, in più circa 40 agenti Trenitalia erano presenti nelle stazioni per assistenza, informazioni, controllo dei biglietti.

Il modello di mobilità ferroviaria messo a punto con la Regione Liguria è quanto di meglio sia possibile ipotizzare ed è capace di rispondere anche alla forte crescita della domanda, a condizione che gli altri sistemi di trasporto via mare siano operativi. Quando questi ultimi diminuiscono i propri servizi, ad esempio per le avverse condizioni meteo, sono inevitabili le ripercussioni sulla regolarità delle corse ferroviarie, causate dal repentino aumento di passeggeri sulle banchine e dal conseguente allungamento dei tempi di salita e discesa. Durante l'ultimo ponte non ci sono stati ritardi ascrivibili a guasti infrastrutturali o ai treni.

Per gestire meglio questi picchi Trenitalia ha quindi deciso, in accordo con la Regione, che nei prossimi fine settimana disciplinerà l'accesso alle stazioni, evitando così eccessivi affollamenti sui marciapiedi e i conseguenti ritardi ai treni".


Questa la replica dei cittadini e degli operatori che continuano a battersi contro il nuovo orario.

"Quando si comincia a dare la colpa ai battelli (!!!) o alla troppa gente, come fa Trenitalia nel suo comunicato e si sostiene di aver messo in piedi "quanto di meglio sia possibile ipotizzare" si ammette non solo di aver sbagliato, ma di aver creato un sistema inefficiente, e lo dimostrano i treni che riescono ad accumulare ritardo anche durante la settimana, con convogli semivuoti di giorno, e magari  i ...ristoranti deserti la sera!

E' il sistema come è stato impostato che è dannoso per residenti e turisti in sé, al punto che una piccola turbativa lo può far saltare.  Persino quando il carico di utenza non è certo imponente.
Ed è successo anche oggi, un normale martedì, con praticamente tutti i "Cinque Terre Express" in costante ritardo e -  per citarne solo una minima parte -  il 21194 Spezia Migliarina Levanto di 23',  il 21195 Levanto-Spezia arrivato a Spezia con 28' di ritardo,  il 21200 delle 13:25 da La Spezia arrivato a Levanto con 29' di ritardo, per non parlare del 21196 delle 12:25 da Spezia, cancellato da Monterosso a Levanto, con a bordo una comitiva di turisti giapponesi costretti quindi a fare un'ulteriore cambio di treno e binario con "armi e bagagli" a Monterosso per arrivare a Milano, come se non fossero sufficienti già il cambio a Levanto e a Sestri, o ancora il 21201 delle 14:05 da Levanto arrivato con 32' di ritardo a La Spezia e cancellato da La Spezia centrale a La Spezia Migliarina.

E come purtroppo accade, quando non si ammette di essersi "imbarcati" in una scelta inopportuna, e si tenta la prova di forza, succede quello che sta avvenendo in questi giorni nelle Cinque Terre, in cui si mandano task force "antievasione" che si stanno permettendo di chiedere i documenti di identità a chi è in possesso di regolare titolo di viaggio!
Ma a quanto pare, mentre si è inflessibili con residenti e non residenti onesti, offrendo un servizio indegno di questo nome e dando la colpa dei disservizi agli utenti, chi  - dai politici responsabili ai collaboratori degli stessi e agli apparati tecnici della Regione - mette in pratica progetti sbagliati e deleteri per gli stessi cittadini da cui sono pagati, non viene ancora chiamato a rispondere dei propri errori".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Sarzana Basket fuori dopo 27 anni: "Mancanza di umanità e di riconoscimento per quanto fatto sinora". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa