La mano dell'uomo dietro tre dei quattro incendi che negli ultimi giorni hanno distrutto 20 ettari di bosco nella provincia spezzina In evidenza

Brucia la Liguria e brucia la provincia spezzina. Dopo un'estate piuttosto tranquilla sul fronte incendi, negli ultimi giorni i roghi si sono moltiplicati e dietro c'è, in molti casi, la mano dell'uomo.

Venerdì, 09 Settembre 2016 15:21

Sui cieli spezzini da tre giorni volano quasi ininterrottamente canadair ed elicotteri per spegnere quattro diversi incendi e bonificare le aree interessate.
Solo grazie all'immediatezza di intervento di Vigili del Fuoco, Forestale e volontari, le fiamme sono state arginate, si sono contenuti gli ettari di boschi andati in fumo e, soprattutto, si è evitato che le fiamme mettessero a rischio persone, abitazioni ed animali.

Le operazioni hanno tenuto impegnati molti uomini, 24 ore su 24, con il personale della Forestale a coordinare le attività di spegnimento, via terra e via cielo, quelle di bonifica, tuttora in corso, e condurre le indagini volte a capire l'origine di ciascun rogo.
Indagini che hanno permesso di appurare che, nella maggior parte dei casi, dietro alle fiamme c'è la mano dell'uomo.
Dei quattro incendi che hanno mandato in fumo circa 20 ettari di boschi nella provincia spezzina, infatti, solo quello del Molinello di Vezzano Ligure è di natura colposa.

L'incendio, di particolare pericolosità perché era prossimo all'oleodotto e al canile municipale, è stato infatti innescato dalle scintille originate da un cavo dell'alta tensione caduto incidentalmente a terra, durante la notte, in un bosco. Agenti del Comando della stazione della Forestale di Follo hanno sentito, a testimonianza, il personale dell'azienda che gestisce la linea elettrica in questione.
L'incendio ha mandato in fumo 4 ettari di pineta e per spegnerlo si è reso necessario l'intervento del Canadair e dell'elicottero della Regione Liguria. Le operazioni di bonifica sono ancora in corso.

Per gli altri tre incendi, invece, è stata accertata la natura dolosa.
Il rogo in località Pescina di Zignago, che ha bruciato circa 10 ettari di pascolo, sul quale è intervenuto l'elicottero della Regione Liguria, è stato innescato probabilmente per motivi legati all'utilizzazione – o alla volontà di non far utilizzare ad altri - il territorio. Anche qui proseguono le operazioni di bonifica.

Natura dolosa, motivazioni simili e bonifica ancora in corso anche per l'incendio in località Alpicella/Bruscarolo, nel comune di Calice al Cornoviglio. In questo caso, 2 gli ettari di bosco distrutti. Qui sono intervenuti 2 Canadair (provenienti da Genova e da Roma) e l'elicottero della Regione Liguria.

Infine l'ultimo rogo, in ordine di tempo: quello divampato oggi in località Ossegna, nel comune di Maissana. Anche qui l'innesco è stato doloso e a determinarlo sono state le stesse ragioni degli altri due casi. Le fiamme hanno coinvolto una superficie di circa 4 ettari.

Tracciando un bilancio complessivo, gli incendi in questione hanno impegnato, per tre giorni 24 ore su 24, 24 agenti forestali e 15 squadre antincendio boschivo, con l'alternanza di 80 volontari, i quali non possono che essere ringraziati per la gratuita dedizione e il servizio alla collettività.

Il personale del Corpo Forestale dello Stato sta approfondendo le indagini sui tre incendi dolosi.

Sono intervenute, sugli incendi di cui sopra, le seguenti squadre di volontari: ARCI Val di Magra; AIB Follo; AIB Ortonovo; AIB Bolano sezione Montebello; AIB Castelnuovo Magra; P.A. La Spezia; SVF La Spezia; AIB Santo Stefano Magra; AIB Ameglia; Radio Hermes; AIB Porto Venere; AIB Vezzano Ligure; AIB Sarzana; AIB Riccò del Golfo; AIB Calice al Cornoviglio.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra- Anche oggi si è vista in campo l'estrema lucidità nelle idee di gioco della squadra di Italiano Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa