L'Accademia del Gusto a Mocrone riscopre i tesori lunigianesi In evidenza

Di Nicola Carozza- L'Accademia del Gusto ha fatto tappa a Mocrone di Villafranca, nel cuore della Lunigiana storica presso la Locanda Gavarini per riscoprire i tesori della Lunigiana. La visita del club gastronomico è stata organizzata dall'Accademica Elena Esposito.

Sabato, 03 Dicembre 2016 17:38

Il turismo culturale infatti può e deve giocare un ruolo di primo piano in Lunigiana, abbinando cultura gastronomica e bellezza di borghi e castelli. La delegazione è stata accolta dall'Amministrazione comunale di Villafranca dai saluti del consigliere Antonio Filippi. Il menu degustato dagli accademici ha visto affettati misti e sgabei, agrodolci fatti casa, la torta "barbotta", la torta d'erbe, le verdure ripiene, le frittelle di castagna con ricotta fresca, pecorino stagionato con miele; gnocchi di castagna alla Gavarini; bistecchine di agnello di Zeri fritte con verdure fritte per finire con la torta di mele con gelato. I vini abbinati Bianco Chardonnay Affianco al Melo della Tenuta Mal Nido e Rosso merlot Mal Nido della Tenuta Mal Nido. Dopo il pranzo gli Accademici accompagnati dal dott. Francesco Bola, storico locale e guida professionista si sono recati al Castello di Malgrate. Il maniero, oltre a svolgere funzioni difensive, proteggendo l'entrata nella valle divenne residenza del signore feudale nel 1351. Nel XIII secolo i marchesi Malaspina di Filattiera decisero di erigere il primo nucleo del castello di Malgrate, attorno alla metà del XIV e nel XV secolo vennero eseguite opere di fortificazione come le mura e i camminamenti di ronda. Il feudo passò poi alla Camera Ducale di Milano, rappresentante del Re di Spagna e quindi nel 1641 passò per acquisto ai Marchesi Ariberti di Cremona.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(3 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il valore della merce è di oltre 120.000 euro Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa