Tragedia di Gressoney: folla commossa al funerale di Fabrizio Recchia, sulle note di “High” In evidenza

di Nicola Carozza - Il funerale di Fabrizio Recchia è terminato con le parole della canzone "High", del gruppo britannico dei Lighthouse Family, da lui tanto amata, dedicata allo zio dai nipoti.

Lunedì, 20 Febbraio 2017 20:18

"Quando stai per piangere ricorda che un giorno finirà tutto (...) tu riuscirai sempre a volare in alto nel cielo dell'amore" quasi una tragica profezia di questa assurda tragedia.

Già nel primissimo pomeriggio una folla commossa ha accolto a Fornola nel Piazzale degli uffici della Motorizzazione Civile la salma di Fabrizio Recchia, direttore tecnico della
Motorizzazione spezzina ed alpinista, scomparso nella tragedia di Gressoney-St-Jean, nel crollo della cascata di ghiaccio. Moltissimi anche i colleghi della motorizzazione, a cominciare da Giampaolo Castelli, dirrettore dell'ufficio della Spezia, da Giorgio Callegari, direttore D.G.T. Nord-Ovest, Motorizzazione Civile di Genova e dall'ex direttore Giuseppe SISCA, oggi direttore ad Asti.
Tanti gli amici, gli alpinisti del Cai, le aziende del settore dei trasporti, le autoscuole, i poliziotti della stradale che conoscevano Fabrizio Recchia e lo stimavano per la sua serietà nel lavoro.
Presenti diversi amministratori: Giorgio Cozzani, Sindaco di Follo, Fiorenzo Abruzzo sindaco di Vezzano Ligure ed Alberto Battilani, primo cittadino di Bolano.
Grazie ad un servizio navetta effettuato da pulmini è stata raggiunta la chiesa di Vezzano Alto.

Nell'omelia, monsignor Gianluca Galantini ha ripreso alcuni passaggi biblici che utilizzano la metafora della montagna per parlare di Dio. Come ha cantato recentemente la
Mannoia al Festival di Sanremo la vita è benedetta ma è fragile e appesa ad un filo che diventa saldo solo quando raggiunge Dio. Ora Fabrizio è sulla vetta e nella visione di Dio si gode il più bel panorama che abbia mai visto.

Un abbraccio corale e commosso che ha testimoniato, per riprendere di nuovo le parole di Mons. Galantini, che è importante vivere bene anche i momenti feriali nella nostra vita, come la passione per la montagna, per generare negli altri comunione e amore.

Questa mattina si sono svolte anche le esequie di Antonella Gallo, nella Cattedrale di Cristo Re, alla Spezia. Ieri, invece, ad Aulla e Caprigliola, i funerali di Antonella Gerini e Mauro Franceschini.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(3 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Elena Voltolini – Chi sono le persone che si sono rivolte alla Caritas e perchè? E ora si temono le ripercussioni del blocco degli sfratti e dei licenziamenti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Giacomo Cavanna - Il libro della festa della Marineria verrà distribuito il 25 e il 26 giugno, il devoluto alla Stella Maris. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa