Esame per la patente con suggeritore: bocciato e denunciato In evidenza

Un 30enne indiano, colto in flagrante, deve rispondere di truffa ai danni dello Stato.

Giovedì, 21 Dicembre 2017 11:47
Le risposte arrivavano sul cellulare e da un auricolare. Con questo sistema pensava di passare l’esame di teoria per il conseguimento della patente di categoria B. Tuttavia non è sfuggito ai funzionari della Motorizzazione Civile della Spezia l’atteggiamento, per così dire, poco rilassato di un trentenne di nazionalità indiana, regolarmente soggiornate in Emilia Romagna nel Comune di Busseto, che durante la prova riceveva “suggerimenti” da remoto. Tutto si è consumato nella tarda mattinata di martedì 19 dicembre, quando il Direttore dell’Ufficio Motorizzazione Civile, insospettito dall’atteggiamento di R. S., informava di quanto stava accadendo la Sezione Polizia Stradale della Spezia Diretta dal V.Q. Agg. Elena Natale, che nelle immediatezze inviava la pattuglia della dipendente Sottosezione Polizia Stradale di Brugnato, che si trovava a pochi chilometri dalla sede della motorizzazione di Fornola di Vezzano Ligure dove si stava svolgendo la prova.

Lo straniero è stato controllato e addosso gli sono stati trovati diversi dispositivi elettronici, tra cui una sorta di “orologio” dotato di videocamera, atti alla trasmissione delle domande d’esame ed alla ricezione delle risposte. Da una consultazione della scheda di fine prova, tuttavia, l’indiano, nonostante i suggerimenti ricevuti da remoto, su 40 domande ne aveva sbagliate ben 29! Il che fa presumere che anche il suggeritore non fosse particolarmente preparato.

Ora il 30enne, che per il conseguimento della patente di guida farà bene ad evitare scorciatoie ed iscriversi ad un regolare corso teorico/pratico, dovrà rispondere innanzi all’Autorità Giudiziaria di truffa ai danni dello Stato e per aver tratto in inganno, durante la sessione di esami, gli esaminatori della Motorizzazione Civile.

Già in passato la Polizia Stradale della Spezia è intervenuta in almeno una ventina di casi, alcuni dei quali legati alla sostituzione di persona, il cui fine ultimo era quello di superare senza troppo studio la prova di teoria per il conseguimento della patente di guida. Nell’ottobre scorso, infatti, altri due cittadini di nazionalità indiana provenienti dalla vicina Emilia Romagna sono stati pizzicati, sempre presso la sede della motorizzazione civile, nel tentativo di falsare una prova d’esame. Il monitoraggio e la stretta collaborazione con la direzione della motorizzazione civile, oltre a favorire la repressione delle condotte costituenti reato, è certamente da annoverare nelle attività di prevenzione generale poste in essere dalla Polizia di Stato con la finalità di garantire il corretto conseguimento della patente di guida.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa