Quinto Remo, al via il disarmo: si conclude così una storia lunga 10 anni In evidenza

di Doris Fresco- Il famoso veliero, protagonista di numerose iniziative come lo "Sbarco dei Pirati" e "Lerici Legge il Mare", scrive l'ultimo capitolo della sua storia.

Martedì, 21 Agosto 2018 16:49

10 anni di attività, di bambini felici che hanno giocato a fare i pirati, di iniziative ludiche e culturali che si sono concluse con questa stagione: ieri, 20 agosto 2018, per il Golfo della Spezia è una data da ricordare, perchè a bordo del Quinto Remo sono iniziate le operazioni di disarmo.

Una scelta non facile, visto il grande entusiasmo e la passione sempre messa a disposizione da Fabio Castiglia e dai suoi collaboratori, che in 10 anni hanno portato il Quinto Remo al centro di numerose iniziative, come lo Sbarco dei Pirati di Cadimare o Lerici Legge il Mare, l'evento biennale organizzato dalla Società Marittima di Mutuo Soccorso e dedicata alla cultura marinaresca. Oltre agli eventi locali va ricordata anche l'invito ricevuto direttamente dal Patriarca di Venezia Monsignor Moraglia per un incontro all'interno dell'Arsenale e lo Sbarco dei Saraceni ad Igueglia. "Siamo andati ovunque- racconta Castiglia- sempre gratuitamente, proponendo campus ed esperienze arricchenti soprattutto per i bambini. Abbiamo lavorato con disabili e supportato iniziative locali, sempre ben volentieri". 

Varato nell'estate del 2008, il Quinto Remo rappresenta la seconda vita di una vecchia scialuppa di salvataggio abbandonata in un rimessaggio e destinata a marcire, che è stata interamente ristrutturata diventando fin da subito un simbolo per l'intero Golfo, con la bandiera pirata issata e la sua voglia di rievocazione, di diffusione della cultura e dell'amore per il mare, prima come 'dono' per la borgata di Cadimare, poi per tutti.  

Oggi la pagina più triste, quella conclusiva: "Una bellissima avventura, che si conclude così- prosegue Castiglia- Purtroppo non mi è possibile continuare a fare quello che facevo". Ad interrompere questo progetto, uno spostamento di pochi metri, che però incidono pesantemente: "La postazione attuale per me è davvero problematica, viste le dimensioni e la struttura dell'imbarcazione. Per le manovre avrei bisogno di molto più spazio, che dove sono ora è davvero complicato portare a termine riuscendo a garantire la massima sicurezza".

La decisione sembra definitiva: "Alcuni si sono offerti di aiutarmi per trovare un posto in un'altra parte del Golfo, purtroppo però questo progetto per me aveva senso stando qui a Cadimare, avrei preferito che questa scelta non passasse inosservata da parte dei miei concittadini, ma vivendo qui e facendolo per passione non potrei spostarmi a Lerici o Le Grazie, dunque per me è meglio mettere la parola fine".

Da Lerici, intanto, arrivano dimostrazioni di solidarietà, come sottolinea Bernardo Ratti, presidente della Società Marittima di Mutuo Soccorso: "Penso che il Quinto Remo sia un valore aggiunto per il Golfo, e solo la passione di Fabio ha fatto sì che fosse conosciuto dappertutto. Sarebbe veramente un peccato che finisse questa bella cosa. Come Marittima abbiamo sempre avuto riscontri positivi e supporto ogni volta che lo abbiamo chiamato a Lerici, per la gioia di adulti e bambini. Ancora 20 giorni fa, attraccato in Calata a Lerici in occasione della Caccia al Tesoro organizzata per la Festa di Avvenire, è stato 'assalito' da torme di bambini e fotografato da residenti e turisti. Penso si debba fare qualcosa per cercare di mantenere una barca che è diventata uno dei simboli della marineria del Golfo... da parte nostra ci attiveremmo per sollecitare e cercare di risolvere il problema".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

All'interno della busta una sostanza la cui natura è al vaglio degli inquirenti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Non ce l'hanno fatta una donna di soli 67 anni ed un uomo di 88. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa