La Pania Forata nel Parco delle Alpi Apuane, un luogo suggestivo da riscoprire In evidenza

Tra i percorsi ideali per l’Alpinismo Lento.

Mercoledì, 03 Aprile 2019 11:09

Nei giorni scorsi una bellissima giornata di sole ha donato alla partecipata attività di alpinismo lento sulla Pania Forata, un tono particolarmente gradevole e molto caratteristico. Rendendo ancor più suggestivi ed affascinanti i panorami ( es. dalla Versilia alla Pania della Croce, e dal Procinto, fino alla Garfagnana ) e naturalmente tutti i luoghi attraversati. Si tratta dell’ultima iniziativa svolta dall’associazione Mangia Trekking in collaborazione con l’Ente Parco Regionale delle Alpi Apuane sulla montagna nota con il nome di Monte Forato, uno dei luoghi di maggior attrazione dell’intera catena montuosa Apuana, dove è presente un grande arco naturale di 32 metri, che per le sue dimensioni è considerato tra i più grandi d’Italia. Il foro nella montagna rappresenta l’azione che la natura è andata realizzando nel corso dei millenni attraverso la forza erosiva dell’acqua e del vento sulla roccia calcarea. La particolarità della montagna con le due vette e l’arco naturale centrale, viene valorizzata soprattutto in alcune giornate dell’anno, quando al sorgere del sole o al tramonto, dalla Versilia o dalla Garfagnana, è possibile osservare il sole allinearsi con “il foro” dell’arco, offrendo immagini di straordinaria bellezza.

Un’attrattiva, quella rappresentata dall’arco, che nel corso degli anni ha influenzato diverse opere d’arte, tra cui il quadro dell’artista senese Andrea Markò, datato 1871, e titolato “il monte Forato nelle Alpi Apuane”, tuttora conservato presso il museo di palazzo Pitti a Firenze.

Pertanto l’associazione Mangia Trekking, che ha le proprie origini nei territori degli antichi Liguri-Apuani, attribuisce alla salita sulla vetta del monte Forato, dove è stata eretta una croce, un senso importante, perché si giunge in un luogo che induce alla meditazione, dove è possibile vivere in un’opera d’arte realizzata dalla natura, che richiede la continua valorizzazione e tutela dell’uomo. Una montagna accessibile ad esperti ma anche a famiglie e bambini, dove è sempre bello ritrovarsi. Tra sentieri e luoghi, dove le attività di alpinismo lento, mentre raccontano la storia, la cultura e la tradizione, rappresentano una risorsa.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I soci o coloro che sono interessati a diventarlo possono partecipare all'assemblea elettiva del 24 ottobre. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Massimo Guerra - Serie A targata Covid-19. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa