La storia della Santa Bakhita a "Monterosso un mare di libri" In evidenza

Giovedì 22 agosto alle ore 21,15 al Convento dei Cappuccini di Monterosso, Roberto Italo Zanini presenta “Bakhita: il fascino di una donna libera” edito da San Paolo.

Martedì, 20 Agosto 2019 11:03

Interviene il giornalista Giovanni Tortorolo. L’iniziativa rientra nel cartellone della rassegna “Monterosso un mare di libri” e nel calendario di celebrazione del 400 anni della nascita del convento di Monterosso, luogo del cuore Fai nel 2014.

Roberto Italo Zanini, monterossino doc, giornalista del quotidiano “L’Avvenire”, con questo libro rende omaggio la figura di Santa Giuseppina Bakhita. Nativa del Sudan, dove nasce nel 1869, viene rapita all’età di sette anni e venduta più volte sul mercato delle schiave. I suoi rapitori le danno il nome di Bakhita («fortunata»). Nel 1882 viene comprata a Kartum dal console Italiano Calisto Legnani che la affida alla famiglia di Augusto Michieli e diventa la bambinaia della figlia. Quando la famiglia Michieli si sposta sul Mar Rosso, Bakhita resta con la loro bambina presso le Suore Canossiane di Venezia. Qui ha la possibilità di conoscere la fede cristiana e il 9 gennaio 1890 chiede il battesimo prendendo il nome di Giuseppina. Nel 1893, dopo un intenso cammino, decide di farsi suora canossiana per servire Dio che le aveva dato tante prove del suo amore. È stata canonizzata da Giovanni Paolo II nel 2000.

Citata in documenti ufficiali della Chiesa, è attuale come africana e come migrante. Ma soprattutto è attuale come donna. Discriminata perché nera, schiava, costretta a sopportare sul suo corpo violenze inaudite, nei fatti la sua storia possiede il fascino di chi pretende e conquista piena libertà di scelta. Bakhita si libera con ferma volontà dalle catene della schiavitù, dall’oppressione e dal rischio della prostituzione. Sceglie la sua strada in piena autonomia sia contro chi la vuole schiava in Africa, sia contro la società che la vuole asservita in Italia. Ha il coraggio e la forza della ribellione, ma la conduce senza violenza, senza prevaricazioni, senza gesti estremi: per questo è Sorella universale. In questo libro, Roberto Italo Zanini fa un passo avanti nell’approfondimento della figura della “santa moretta”, incrociandone il percorso con quello di molte altre donne e uomini che si sono liberati dalle ferite della propria vita grazie a lei. Ne scaturisce un’agiografi a di nuovo stile: un racconto corale di una vita riconquistata e che permette ancora oggi il riscatto di molti

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Sono molti gli interventi sulla viabilità che il territorio arcolano attende da tempo". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Un’occasione unica per imparare un mestiere ed un’esperienza che sarà indimenticabile nella vita dei partecipanti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa