Restaurato il primo documento "adottato" dal CAI In evidenza

In corso anche una mostra in Mediateca per ricordare un socio pioniere delle attività del CAI.

Mercoledì, 18 Dicembre 2019 09:59

“Quattro passi tra le righe” è un’iniziativa CAI che parte dal progetto “Adotta un Documento” promosso dall'Archivio di Stato Genova.

Il CAI della Sezione della Spezia adotta un documento bisognoso di restauro datato 4 novembre 1085 scritto presso il Castello di Vezzano (l’attuale Vezzano Ligure) nel quale si parla di una donazione, da parte degli Obertenghi (signori di Vezzano), a favore di Aimerico abate del Tino, per la ricostruzione del Monastero di San Venerio.

A marzo scorso la Sezione organizza un’escursione nei luoghi dove è stato scritto ed il ricavato dalla gita viene investito nel restauro (con l’intenzione, in futuro, di organizzare gite al Tino per descrivere il contenuto del documento adottato e restaurato). Nel mese di dicembre a Genova, presso l’ Archivio di Stato, è stato rilasciato un certificato di adozione al Presidente Alessandro Bacchioni ed il documento sarà esposto, restaurato, con il nome dell'adottante.

A Gennaio 2020 la Sezione CAI della Spezia sceglierà un altro documento in Archivio di Stato, che verrà raccontato durante le visite sull’isola del Tino; anche in questo caso sarà promossa una sottoscrizione tra i soci per il restauro.

La Sezione CAI della Spezia informa che dal 12 al 31 dicembre, presso la Mediateca Sergio Fregoso di via Firenze 37, è possibile visitare la mostra fotografica dedicata a “Gino .....100 e altre storie” per commemorare il centenario della nascita del proprio Socio Gino Maschio scomparso nel 2018 e ricordare gli ultimi 40 anni della vita della Sezione.

Spiegano dal CAI spezzino: "Era una grande figura del CAI spezzino, ha formato ed aggregato donne ed uomini che hanno raggiunto prestigiosi risultati nell’Alpinismo, nell’Arrampicata e nelle strutture stesse del CAI. Un cammino lungo 70 anni, iniziato con la chiamata nel Corpo degli Alpini alla vigilia della 2^ Guerra Mondiale e culminato con la salita al Pizzo D’Uccello , 10 anni fa, per festeggiare, nell’ambiente a Lui più gradito, il 90° compleanno! È’ stato, per tutti noi, un esempio ed un punto di riferimento: da lui abbiamo sentito per la prima volta il termine di “imparare facendo”; nel 1989/1990 organizzava il primo corso di escursionismo (cosa mai fatta a livello nazionale)".

Infine, Giovedì 19 Dicembre alle ore 21 presso la Mediateca Sergio Fregoso, la ricorrenza annuale dello scambio degli Auguri tra i soci e quanti avranno il desiderio di partecipare , nel corso della quale ci sarà la presentazione del libretto sezionale 2020 con tantissime gite ed iniziative varie organizzate dalle Scuole e Commissioni.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Cai La Spezia

Via Napoli, 156
19122 La Spezia SP

Tel. 0187 22873

www.cailaspezia.it

Ultimi da Cai La Spezia

Dopo l'interruzione causata dall'emergenza. Leggi tutto
Cai La Spezia
Ci vuole prudenza e senso di responsabilità. Leggi tutto
Cai La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa